PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ritiro dalla scena

"ma come?" sono soliti ripetere,
"è così bello avere a che fare
con la GENTE!"

ci mettono proprio tutta la loro
grinta motivazionale.

i tizi con cui ne parlo
considerano la mia ritrosia
solo come un capriccio anacoretico.

sono degli umanisti,
in fondo.

se vedi alla sera
gruppi di 5 o 6 persone
affollare il più cool Lounge Bar
della città
o senti schiamazzi
e gonfie risate
provenire da un
angolo buio della strada,
non puoi sbagliarti,
sono loro.

capisco non sia il massimo
della vita
sdegnare chi prova a raggiungere
la tua soglia emotiva,
ma, perdonatemi,
non voglio compiacere nessuno,
nessuno a parte me.

mi piace la gente,
quando sta lontana
da qui.

gli animali li amo,
contengono il sacro fuoco
dell'innocenza.

non credete che gli Zoo
siano una cosa
incredibilmente straziante?

e la Psichiatria?

ecco, capite il mio riserbo?!

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Gianni Spadavecchia il 12/10/2016 10:34
    Poesia molto personale e soggettiva. La vedo così, ognuno è libero di pensare, scegliere e vivere come più gli piace, senza intaccare la vita dell'altro.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0