accedi   |   crea nuovo account

Il giocattolo

Solo quando hai chiuso gli occhi
I miei hanno visto
La fredda luce della verità
Ti consideravo un giocattolo
Ti trattavo come un giocattolo
Ma come a un giocattolo
Non ho potuto ridare la carica
Il mese di aprile ti ha visto nascere
E la terra di maggio, di cinque anni dopo,
Ti ha accolto nel suo grembo
Ora giaci li. Immobile.
Come il giocattolo rotto che il bimbo
Non può aggiustare.

 

1
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 03/09/2016 23:53
    apprezzata... complimenti.

5 commenti:

  • Paolo La Montagna il 31/05/2010 09:08
    versi gelidi che possono essere scaldati solo dalla speranza che la carica a quel giocattolo ora gliela diano gli angeli del paradiso.
  • Giulia De Giorgi il 29/08/2009 12:49
    È terribilmente meravigliosa, nella sua disperata tristezza assoluta. Complimenti.
  • letizia salerno il 21/05/2009 17:48
    triste. bella ed intensa. purtroppo si realizza la verità su alcune cose solo quando queste non esistono più.
  • filippo Di Martino il 17/04/2008 19:08
    la tua : Il giocattolo... mi ha regalato Brividi... , se ti va visita il mio sito (http://www. artepoesianarkiafmem. it) io visiterò sicuramente il tuo... ciao vero poeta... fmem
  • Diana Moretti il 28/10/2007 17:51
    spunto interessante..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0