PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Camelia

Fare la corte alle cortigiane
è gioco presuntuoso
e tu con il tuo miglior sorriso
cogli una camelia e poi un'altra
in mano:
una rossa...
una bianca.


Ero la tua signora delle camelie,
mi hai colto
per lasciarmi appassire
lontano da te.


Gli egoisti non si curano mai da soli
e mai fra di loro.


Sono troppi i calcoli sbagliati
in questo gioco
che brucia come vita vera.


Eri il veleno che usavo come antidoto
e hai finito per intossicarmi.


Hai dato retta a tutto e a tutti,
all'etichetta,
ero un tuo oggetto?
Eccetto che al mio amore.


Come camelia sono appassita
ma a te non importa niente
fingi di disperarti
ma non te ne importa niente.
Cogli una camelia in mano...

 

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 18/07/2017 09:38
    Sempre intriganti e profumate le tue poesie.

2 commenti:

  • PE il 09/07/2017 10:18
    una confessione di sensazioni
  • pasquale radatti il 07/07/2017 22:15
    Un amore usato e gettato come un fiore appassito... Un amore infelice ben descritto in questa lirica. Molto bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0