PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

ti aspetterò tutte le sere...

fin quanto potrò, amore,
nel silenzio della mia voce,
nel colore dei versi,
scendi sempre dalla tua luna
qui dove le pietre del giorno feriscono,
e le lucciole sono i filamenti
di milioni di auto in corsa,
scendi dove c’è ancora un’anima
imprigionata nel suo desiderio d’amare
e un fiore da donarti, forse l’ultimo
di questo ostile millennio,
qui dove l’abisso dell’indifferenza è orrendo
e scrosciano pianti, inascoltati,
senza fine…
stringimi se puoi e muta il grigio
col tuo azzurro e vedrai
il mio misero stagno diventare
oceano di luce

 

2
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • nicoletta spina il 08/12/2007 23:08
    il tuo stagno non è misero
    ma pieno di bellissimi riflessi e messaggio d'amore
    complimenti!!
  • lucia cecconello il 08/12/2007 22:47
    bella e molto delicata
  • Michelangelo Cervellera il 30/10/2007 12:24
    Veramente bella, dolcissima, un animo delicato e un cuore pieno d'amore. Michelangelo
  • Gabriella Salvatore il 30/10/2007 09:54
    armoniosa e dolcissima, con un finale incantevole, molto, molto bravo
  • Cinzia Gargiulo il 29/10/2007 10:58
    Molto dolce questa attesa...
    Bravo.
  • laura cuppone il 28/10/2007 23:55
    Mario
    romantica e dolcissima questa poesia..
    ... che il tuo sogno diventi realtà...!!
    ciao L

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0