PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

'Nu sciore 'e primmavera

'Nu sciore 'e primmavera
si ttu, Nennella mia,
'nu sciore prufumato
chino 'e malincunia.

Appena te vedette
sbatteva chisto core,
e, zitto, me dicette:
-Sarrà pe' tte ll'ammore!

'Nu vaso e ancora 'nato,
nun me stancavo maje,
mentre diceva 'o core:
-Cu mme tu restarraje!

Ma dimme tu, Nenne',
speranza 'e chisto core,
e dillo zitto zitto,
song'io pe' tte ll'ammore?

Dimmello cu 'nu vaso,
dimmello cu 'nu sciore
'sta verità sincera
primma ca me ne moro!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • Anna G. Mormina il 18/08/2008 19:05
    Nennèlla è tanto felice, ma tu,... non l'hai capito?
    Caro Luciano, l'amore fa anche questi scherzi... il cuore è tanto confuso da non capire...
    ... è bellissima e tu sei bravissimo!... un sorriso!
  • sabrina balbinetti il 20/07/2008 01:47
    t'o ddico...è bell assaie!
    sabry
  • sabrina balbinetti il 20/07/2008 01:47
    t'o ddico...è bell assaie!
    sabry
  • Claudio Amicucci il 23/01/2008 23:24
    È sempre un piacere apprendere un po' di più di napoletano. Grazie per il tuo passaggio. Ciao Claudio
  • Luciano Sansone il 23/01/2008 23:13
    No, Claudio, non è pianto. "Sciore": fiore! "Un fiore di primavera..."
    "Nennella" significa Piccina, Bambina, Piccolina. È un vezzeggiativo che si suole dire alla propria amata. Per il resto l'hai tradotta bene.
    Grazie per il tuo commento
  • Claudio Amicucci il 23/01/2008 22:01
    Non sono napoletano ma ci provo:
    un pianto di primavera, sei, Nennella mia, un pianto profumato pieno di malinconia.
    Appena t'ho vista ha battutto questo cuore, e in silenzio m'ha detto, Sarà per te l'amore. Un bacio, poi un altro, non mi stancavo mai, mentre diceva il cuore Tu resterai con me. Ma dimmi, Nenné (Annarella), speranza del mio cuore, e dillo in silenzio, sono io per te l'amore?
    Dimmelo con un bacio, dimmelo con un pianto, questa verità, prima che io muoia.
    Ma in dialetto è semplicemente stupenda: una richiesta e al tempo stesso una dichiarazione d'amore. Bravo Luciano, scoire è pianto, vero? Ciao Claudio
  • Luciano Sansone il 23/01/2008 21:42
    Grazie Tiziana per il tuo commento. Hai centrata la traduzione
  • sara rota il 02/11/2007 22:05
    Poesia ricca di passione! Bravo e fortunata l'amore tuo.
  • Luciano Sansone il 02/11/2007 20:48
    Cinzia, è un piacere rileggere i tuoi commenti. Grazie cara.
  • Luciano Sansone il 02/11/2007 20:46
    Grazie Antonietta per il gradito commento.
  • Cinzia Gargiulo il 02/11/2007 19:59
    Bellissimo paragonare la donna amata ad un fiore di primavera... poesia bella e delicata.
  • Antonietta Di Costanzo il 02/11/2007 07:35
    sei bravissimo, questa poesia mi ricorda tanto la musica antica la più bella tra l'altro, quella che ha reso Napoli famosa nel mondo.
  • Luciano Sansone il 01/11/2007 20:13
    Grazie, Ugo, per il tuo commento.
  • Ugo Mastrogiovanni il 01/11/2007 19:13
    I versi di Sansone, armoniosi e coloriti, si inteneriscano, soffrono, si divertono del pittoresco vissuto, si inteneriscono sull'elegiaco dedicato e sorridono dell’incerta risposta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0