accedi   |   crea nuovo account

Comme a 'nu filo 'e fummo

Va bbuono accussì!
Nce lassammo, ma senza parlà.
È fernuto, pe' nnuje,
comme a 'nu filo 'e fummo
'st'ammore nuosto ch'era fatto 'e bbene.

Me guarde, Nanni',
e cu ll'uocchie m'accide, pecchè?
Nun 'o ssaje ca tu
si stata 'a vita mia?
E 'a vita mia, mo, te vuo' piglià!

No, nun me lassà accussì...
ma tu te ne vaje, pecchè?
Te ne vaje e me lasse pe' sempe,
nun te cure s'io me ne moro!

E chiagne pe' tte
chistu core ca pace nun ha,
chesta vita accussì,
pe' mme, nun è cchiù vita...
Si' comme 'a ll'aria e j' moro senza 'e te!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

18 commenti:

  • Anna Ferrara il 19/12/2008 17:04
    Lo sai che fumare mi piace. Ti amo -Anna
  • Anna G. Mormina il 18/08/2008 19:10
    ... un sorriso
  • Anna G. Mormina il 18/08/2008 19:09
    ... anche se questa volta non finisce bene... bella, bella!
    Bravo Luciano!
  • Ada FIRINO il 30/04/2008 15:01
    mia madre, sarda pur essa, (aveva vissuto per un certo tempo a Salerno) cantava sempre tutte le canzoni napoletane con una voce divina (io stonata come una capra sarda!) e il napoletano mi piace molto.
  • Luciano Sansone il 29/04/2008 12:03
    Ma come fa una sarda che vive in piemonte a scrivere in napoletano?
    Grazie per avermi letto.
  • Ada FIRINO il 27/04/2008 00:42
    Nun chiagne, Luciano, nun fa accussì, ca me fa' chiagne pur'a mmè!
  • aurora beatrice giacca il 07/02/2008 20:22
    grazie ai tuoi commenti alle mie "opere", in cui hai colto i miei intenti benissimo, ho potuto assaporare la tua bravura.. complimenti vivi! ps. questa poesia mi ricorda molto un periodo della mia vita sembra dipinta su misura..
  • Luciano Sansone il 23/01/2008 23:06
    È giusta la tua traduzione, Angelica. Come vedi non è poi così difficile il "vero" dialetto napoletano.
    Grazie per avermi letto.
  • Anonimo il 23/01/2008 21:50
    Non capisco benissimo il dialetto napoletano ma qualcosa ho inteso ed è una bellissima poesia d'amore.
    l'ultima strofa:
    E piange per te questo cuore che pace più non ha,
    questa vita così per me non è più vita
    sei come l'aria e muoio senza te.
    Giusto?
    Alla fine non è poi così difficile.
    Ma in dialetto ha tutto il suo fascino.
    Bravo Luciano.
    Angelica
  • CLAUDIO CISCO il 10/11/2007 13:42
    w mapoli, semmu tutti i napulu paesà
  • Luciano Sansone il 02/11/2007 20:51
    Un grazie di cuore a Roberto, Ugo, Antonietta e Cinzia per i bei commenti.
  • Cinzia Gargiulo il 02/11/2007 19:48
    Dolce, triste, musicale... Bellissima!!
  • Antonietta Di Costanzo il 02/11/2007 07:32
    bellissima. Si comme'a a ll'aria e j moro senza e te! dedicata ad una donna ma può essere dedicata a qualsiasi cosa di veramente importante per noi..
  • Ugo Mastrogiovanni il 01/11/2007 16:53
    L’ispirazione si affianca alla cadenza che mista alle modulazioni potrebbero far del testo una canzone.
  • roberto cafiero il 01/11/2007 13:24
    BELLA ED ORIGINALE LA METAFORA, TRISTE MA ALLEGRAMENTE MALINCONICA. BRAVO

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0