accedi   |   crea nuovo account

Luna nera

Nata una notte, la luna è rotonda
tua madre ti cresce come figlia ribelle.
Cerchi uno spazio che riscaldi la mente
ti ritrovi nel mostro che strazia il tuo corpo.

La luna nera lascia una scia,
quell’uomo infame viene in camera tua.

Muori ogni notte nel letto sbagliato
sfregia il tuo viso, il suo odore è nel petto.
Con le parole ti riduce al silenzio,
ti invade nel corpo, ha lo sguardo violento.

La luna nera lascia una scia,
tua madre tace e prega in nome un Dio.

Luna nera, luna nera
la sua faccia più scura.
Luna nera, luna nera
guarda il mio viso,
non togliermi il fiato,
uccidi quel lupo.

Sporche le mani ti accarezza sul collo
come impazzita tu impugni il coltello
È solo un istante gettato nel tempo,
lui disteso nel letto con la macchia sul petto.

La luna nera lascia una scia
la luce azzurra della polizia

Cambia la scena ti ritrovi sconfitta
aspetti un bambino, resti sola al confine.
Non sai se tenerlo o se chiudere il conto
alla fine decidi che il dolore è già troppo.

Il tempo passa e ritraccia la via
di quella casa resta solo l’idea.

Luna nera, luna nera
la sua faccia più scura.
Luna nera, luna nera
guarda il mio viso,
non togliermi il fiato,
uccidi quel lupo.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Alessio magnaguagno il 19/03/2013 10:40
    molto forte, infinitamente rabbiosa, poco poetica, ma c'è ne era bisogno? a volte l'urlo di rabbia, la denuncia, sono l'unica cosa che serve. La condanna è una: quella del Lupo, nessun rimorso per chi non è uomo.
  • lucia cecconello il 17/06/2008 23:35
    Molto forte complimenti ciao
  • Giovanni Lovece il 14/11/2007 14:26
    Colpisce, tantissimo.
  • Gabriella Salvatore il 13/11/2007 10:40
    dolorosa e straziante, storie che accadono e non dovrebbero accadere. Hai affrontato un tema forte e hai mediato la rabbia con la poesia, molto, molto bravo
  • Romina Cesari il 04/11/2007 15:48
    chiedo scusa... non avevo letto i commenti già presenti... contenta di nn essere l'unica... Romy
  • Romina Cesari il 04/11/2007 15:46
    come mai nessun commento???... ci vuole coraggio... per commentare... per leggere e nn far finta di niente... non posso dire bella... ma lo dico... SPELNDIDAMENTE VERGOGNOSA. COMPLIMENTI... Romy
  • Anonimo il 02/11/2007 21:40
    Difficile far diventare poesia un fatto così raccapricciante, eppure ci sei riuscita in tutto il suo dolore.
    Complimenti, ciao.
    Angelica
  • laura cuppone il 02/11/2007 08:54
    Non si fraintende la cronaca di una assurda e terrificante violenza, nè le sue inevitabili conseguenze dove le vittime si moltiplicano e della luna nera resta sempre una scia..

    forte!! complimenti..
    un tema così non è facile da tradurre in poesia..
    e tu ci sei riuscito/a
    ciao L

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0