PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il Mare del Periglio

Nel mare del periglio
nuvole di cenere infuriano
su neri manti di gelate acque
l'aere trema
così le stelle
e il bianco angelo
tra i tenebrosi flutti
con la sua chioma d'oro
faro dei dispersi
nella sua argentea spada
la tramontana timida si specchia
per veder se è degna
di imperare attorno ad esso
E il celeste messaggero
alle preghiere disperate
d'una imbarcazione
e del suo navarca sciaugurato
che la mano tende all'angelico guanto
quello sulla riva degli ori perituri
lo posa dolcemente
E poi dall'acuto scoglio
la lucente spada sguaina
e gli astri furor de' cieli
gridano di luce nuova
e le rabbiose onde
placide si placano
il buio mare del periglio
splende adesso
nel bianco di Michele

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Patty Portoghese il 19/10/2009 19:02
    Ben composta!
  • augusto villa il 17/12/2007 14:42
    Carica d'immagini, ben esposta, bravo!!!
  • Riccardo Brumana il 01/11/2007 22:22
    bella, mi piacciono soprattutto le metafore che hai impiegato, bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0