username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Un dono non gradito

Ma voi non sentite il dolore?

Il dolore che trasuda da ogni pagina di vita?
Che ti prende lo stomaco
e fa luccicare gli occhi di lacrime?

Il dolore di chi ha perso ogni speranza
costretto ad una vita da vivere per non morire?
Per non far morire?
.
Non sentite il dolore
di popoli senza più speranza
che camminano inorriditi verso la morte?

Non sentite il dolore dei bimbi e delle donne
alla vista di mostri venerati
vestiti d’uniforme?

E il dolore delle genti coscienti
costrette a vivere nell’abominio
con esseri portatori delle loro verità,
dei loro dei?

Il dolore di ogni vita
che viene al mondo
solo per essere schiava?

Il dolore delle stelle
che vorrebbero spegnersi
per non illuminare più
questo dolore?

A voi che ci regalate
il dolore a piene mani,
vi regalo la mia gioia
di vedervi morire in eterno!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

33 commenti:

  • Francesca La Torre il 07/02/2010 14:02
    Bellissima, piena di significato, vero, e molto ben descritta. Bravo.
  • Michelangelo Cervellera il 09/08/2008 10:03
    Ora sono contento Cinzia. Grazie,
    Michelangelo
  • Cinzia Gargiulo il 09/08/2008 03:39
    Ok Michelangelo rimedio subito...
    Tanti...:bacio:...:bacio:...:bacio:...:bacio:...
    Spero di essere riuscita a farmi perdonare...
  • Michelangelo Cervellera il 08/08/2008 22:32
    Grazie Gianna, davvero grazie,
    Michelangelo
  • Michelangelo Cervellera il 08/08/2008 22:22
    Cinzia puoi intervenire quando vuoi, mi fai solo un grande piacere.
    Peccato che dai baci sei passata all'abbraccio. (sigh)
    Un :bacio:
    Michelangelo
  • Michelangelo Cervellera il 08/08/2008 22:19
    Ti ringrazio duca, anche ammettendo che esista la giustizia divina, sinceramente aspettare in eterno che avvenga mi toglie ogni speranza. Vorrei che certa gente paghi qui e subito il male che quotidianamente esercitano su noi tutti, l'elenco è lungo, infinito, possiamo partire dalle guerre fatte sempre è solo per arricchire pochi e massacrare molti, oppure dal riuscire a vivere con neanche 1000 € al mese, riuscire a dare a stento l'indispensabile ai nostri figli, o non farli perchè non si possono crescere decentemente, sfruttare mano d'opera sino alla morte, insomma puoi metterci quello che vuoi ed in tutto questo le religione hanno la colpa principale, t'imbottiscono di parole come fede, speranza, sopportazione, porgere l'altra guancia ed appunto avere fede nella giustizia divina ed intanto anche loro si arricchiscono, governano con e senza i potenti, perchè negli stati dove il clero ( di qualsiasi religione) è forte o al potere riesce a sottomettere gran parte della popolazione educata da sempre a credere alle cose che loro dicono ed anche se si è critici con il potere ecclesiastico alla fine si accettano il loro comportamenti. Un filosofo ha detto "che la religione è l'oppio dei popoli" , mi sembra avesse proprio ragione, visto che pochissime voci si levano gridando contro essi.
    Non ce l'ho con chi crede, credere può dare sicuramente conforto, vorrei solo che anch'essi gridassero" Giustizia"!
    Grazie per il commento e per la stima,
    Michelangelo
  • Cinzia Gargiulo il 08/08/2008 18:27
    Se mi posso permettere di intervenire Michelangelo, da quello che ho potuto imparare a conoscere, è una bellissima persona indipendentemente da come la pensa su Dio e soprattutto rispettoso delle idee altrui...
    Un caro amico...... a cui dò un forte abbraccio...
  • Michelangelo Cervellera il 06/01/2008 18:45
    Hai ragione Ivan, il silenzio è peggio. Grazie ancora
  • Michelangelo Cervellera il 06/01/2008 18:44
    Grazie A. M. so che ci sono persone che votano basso senza motivo, non importa, mi interessano i commenti, garzie per il tuo. Michelangelo
  • Ivan Bui il 06/01/2008 13:17
    L'ho riletta, stesse emozioni... é vero, la penna non basta, ma il silenzio é peggio, continuiamo a scrivere, a denunciare, a grdare, chissà ...
  • A. il 06/01/2008 09:25
    voto troppo basso a parer mio per questa poesia che secondo me è bellissima, veramante. a rileggerci...

    A. M.
  • Michelangelo Cervellera il 04/01/2008 20:50
    Un abbraccio a te Cinzia, grazie per essere passata. Michelangelo
  • Cinzia Gargiulo il 04/01/2008 20:29
    Poesia molto forte!... Mi associo a Ivan di cui condivido il commento.
    Un abbraccio.
  • Michelangelo Cervellera il 04/01/2008 19:51
    Ciao Arianna, non credo nella giustizia divina, il dtino ognuno dovrebbe costruirselo ma t'impediscono di farlo, sino a quando si crederà solo nel dio denaro solo togliendolo con la forza forse potrà esserci più giustizia. Grazie per essere passata da me.
  • Michelangelo Cervellera il 04/01/2008 19:46
    Ciao Ivan, purtroppo la penna non basta mai da sola anche se lancia grida di vergogna, rabbia e speranza. Grazie per aver letto e commentato questo mio scritto.
  • Chiara S. il 04/01/2008 16:46
    io credo che tutti avranno ciò che si meritano, Michelangelo... chiamala giustizia divina, chiamalo destino, chiamala pura coincidenza...è comunque inevitabile. Splendida questa poesia!
  • Ivan Bui il 14/11/2007 23:09
    Un grido di condanna, una giusta condanna, ma la penna deve saper scrivere anche grida di speranza, di lotta, lo dobbiamo a quelle vite che vengono al mondo solo per essere schiave, per morire lentamente tra l'indifferenza dei più. Grazie Michelangelo.
  • Michelangelo Cervellera il 10/11/2007 11:27
    A volte vorrei punirli in modo molto feroce. Grazie oceano mare. Michelangelo
  • Michelangelo Cervellera il 09/11/2007 21:18
    Magari cara Tania bastassero le nostre lacrime. Vorrei tanto far urlare di dolore quei vermi che provocano sempre dolore. Grazie per essere passata da me. Michelangelo
  • Michelangelo Cervellera il 09/11/2007 21:14
    grazie Michele e grazie anche per accumunare la gioia di vederli morire in eterno. Michelangelo
  • tania tania il 08/11/2007 00:22
    bellissima! Io lo sento così forte che se potessi salvar qualcuno con le mie lacrime... non ci sarebbero più morti!!! E hai ragione alla fine della poesia!!! Moriranno in eterno!! Soffriranno in tutte le loro vite! E moriranno 1000 volte in ogni vita...
  • Ezio Grieco il 03/11/2007 13:42
    ... mi asocio al commento di Diana.
    ... e regalo anche la mia gioia nel vederli "morire in eterno"
    Piaciutissima!!
    mikelus
  • Michelangelo Cervellera il 02/11/2007 18:10
    Grazie Dia, bastasse la poesia a smuovere le coscienze... non si smuovono neanche quando sono ridotti alla fame.
    Grazie per essere passata da me. Michelangelo
  • Michelangelo Cervellera il 02/11/2007 18:08
    Ciao Angelica, non riesco a sopportare le ingiustizie mi provocano sempre una grande rabbia, non sono credente quindi la resa dei conti in senso divino non arriverà mai per questa gente, per cui vorrei che ci fosse un modo legale per cui non esistessero più, ma a tutti gli stati del mondo fa comodo tutto ciò, altrimenti non potrebbero sopravvivere.
    Ti sono grato per il tuo commento. Grazie. Michelangelo
  • Diana Moretti il 02/11/2007 17:40
    Che la poesia possa smuovere le coscienze.. bravissimo Michelangelo. Dia
  • Anonimo il 02/11/2007 12:49
    Una poesia carica di rabbia verso tutte quelle persone che vivono nell'indifferenza, non sentono dolore, non cadono in depressione, si nutrono e si alimentano della disperazione degli altri, eppure la resa dei conti arriverà anche per loro, noi non possiamo far niente, anzi una cosa si, continuare a combatterla nel nostro piccolo, continuando a credere nei veri sentimenti e non lasciarci avvolgere da tutto questo sterco.
    Poesia dal contenuto reale e palpabile nella quotidianetà di ciascuno di noi.
    Ciao Michelangelo
    Angelica
  • Michelangelo Cervellera il 02/11/2007 12:10
    Ciao Flavia, innanzitutto grazie per aver commentato la mia poesia, si certo sarebbe bello uscire dal tunnel dell'orrore senza usare violenza, la stessa violenza che usano questi predatori di vita umana, ma sono anche convinto che purtroppo se si porge solo l'altra guancia questi marci uomini continuano a riempirti di schiaffi. Grazie ancora, Michelangelo
  • Michelangelo Cervellera il 02/11/2007 12:08
    Ciao Flavia, innanzitutto grazie per aver commentato la mia poesia, si certo sarebbe bello uscire dal tunnel dell'orrore senza usare violenza, la stessa violenza che usano questi predatori di vita umana, ma sono anche convinto che purtroppo se si porge solo l'altra guancia questi marci uomini continuano a riempirti di schiaffi. Grazie ancora, Michelangelo
  • Anonimo il 02/11/2007 10:56
    A volte è vero: siamo sordi di fronte alle urla di bambini, ai pianti delle madri, al "dolore di ogni vita che viene al mondo solo per essere schiava". Questo, perchè, il male più grande di questo mondo dal quale tutti noi, almeno in parte, siamo, stati contagiati è l'indifferenza...
    Detto questo, capisco la tua rabbia e ho massimo rispetto per la stessa, solo che, forse, i quattro versi finali ti rendono troppo simile proprio a coloro che, quotidianamete, ci "regalano il dolore".. Se alla violenza si continuerà a rispondere con la violenza, l'umanità non uscirà mai da quel tunnel di orrore nel quale, stoltamente, è penetrata... So che sembra un'utopia ma se non ci aggrappiamo fino alla fine ai sogni e alle speranze e se non operiamo per provare a rendere gli stessi realtà, cosa ci rimane?? Ovviamente questa è solo una mia opinione che ha tutti i connotati, lo ammetto, di pura e semplice illusione.. Un'illusione nella quale, però, mi sforzerò di continuare a credere...
    Comunque, nel complesso, poesia realistica e degna di lode...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0