PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le due sorelle (e la gatta)

Gaia, virtuosa, le arruffi il pelo,
parli in falsetto contro il suo muso,
animo allegro, cuor senza velo.

Gatta sdegnosa, artigli in disuso,
avverti tutta la sua freschezza,
miagoli, uggiosa, pel suo sopruso,

poi, con segnali di gran fierezza,
pur mal colpita da tracotanza,
sfuggi alle coccole: questa è certezza!

L’altra, a ciò, grida dalla sua stanza:
“Qui non c’è pace, non v’è decoro”.
Ma, dentro, ride con gran fragranza.

Intenta all’opre, fissa al lavoro,
sopra, sotto, di fianco sparpaglia
sudati appunti, calcoli d’oro.

Fiera, orgogliosa, tesse la maglia
della sua immagine intransigente;
…cuore gentil… buon sangue non sbaglia!

Sbuffa (la prima) e nella sua mente,
pur proferendole aspri consigli,
pensa: “Io so come sei veramente”.

Questo è l’amore che lega i figli,
grande tesoro che sol loro hanno,
su cui nessuno ponga gli artigli.

Voi, genitori, non fate danno
con falsi miti, sciocche ambizioni.
Lasciate loro senza l’inganno
delle aberranti televisioni!

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Rosarita De Martino il 23/03/2012 20:39
    È un quadretto semplice. Ma le due sorelle si contendono l'amore della gatta? È un simpatico accostamento. Cari saluti. Rosarita
  • Anonimo il 17/04/2011 10:09
    sei riuscito a dire una bellissima cosa in modo molto leggero e questa è una cosa lodevole, complimenti
  • tanya belletti il 10/03/2009 17:26
    simpatica e bella! molto ben scritta
  • aleks nightmare il 30/11/2008 13:23
    Molto bella
  • Carlo Capossela il 16/11/2007 13:59
    Ringrazio il sig. Ugo.
    Ho letto e goduto della sua poesia.
    Molti dei suoi commenti mi richiamano alla mente la 27° terzina del canto 19° del Paradiso.
  • Ugo Mastrogiovanni il 16/11/2007 10:58
    Simpatico il titolo e piacevole l’argomento. L’arduo tentativo di rimare i versi sembra ben riuscito, ma andrebbe riveduto! Accettabile.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0