accedi   |   crea nuovo account

Tracce di donna

C'è sempre qualcuno che le chiede chi sei
ma finisce che poi
è lui che parla di lei.
Si trasforma in un diavolo se si sente bene,
si nasconde nell’angolo quando poi sta male.

Nessuno lo sa quanto fiato c'è,
quando corre verso il sole,
se poi rimane in riva al mare.
Quando alle sue domande
risposta mai non c'è.

Attraversa a fatica la sua giovane età,
lei non si chiede chi resta e chi se ne va.
Fuori l'aspettano ma lei non verrà,
sta aspettando il futuro ma che futuro sarà?

Destino di donna di una razza selvaggia
con gli occhi di gatto
dentro un cuore smarrito.
non ha rumori, non ha dispiaceri
forse solo un ricordo e cento storie a metà.

No,
non c'è mai poesia e nessun calore
nelle sue parole, nelle sue emozioni.
Solo attimi, di un silenzio che ora c'è
per se stessa, per l'orgoglio dentro di sè.

Se c'è!
qualcuno oltre questo mondo
Se c’è!
chi cambia le stagioni, e soffia dentro i cuori
non cambiarla mai, non graffiarla se puoi.

Quanta rabbia stasera che sono con te,
la sento nel petto,
aggrappata ai miei sensi.
Ti sento già donna nei sogni che hai,
mi ricordi qualcuno sempre in cerca di guai.

Nessuno lo sa quanto fiato c'è,
quando corre verso il sole,
se poi rimane in riva al mare.
Quando alle sue domande
risposta mai non c'è.

Le sue notti cosi che non vede nessuno
ne passa da tempo, le vive da sola.
Non ha bisogno di niente, lei non vuole nessuno

12

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 02/06/2011 07:30
    piaciuta
  • Anonimo il 01/06/2011 20:06
    Olfattiva
  • Gabriella Salvatore il 13/11/2007 10:33
    molto bella, scorrevole, che lascia traccia, bravo
  • Erica C. il 10/11/2007 14:43
    Bella... All'inizio credevo che sarebbe stata lunga da leggere, ma è finita e nemmeno me ne sono accorta... Complimenti! Eri.
  • Antonio Pani il 08/11/2007 08:41
    Molto bella, speciale. Vedo una donna bambina, sento apprensione, quasi un senso di tragedia che impregna questi versi. Mi viene in mente una persona malata, fors'anche d'amore non vissuto. Io l'ho sentita così. Grazie per la tua attenzione, a rileggersi. Ciao.
  • Anonimo il 04/11/2007 22:26
    Fantastiche queste tracce che hai descritto.
    Ciao
    Angelica
  • Riccardo Brumana il 04/11/2007 22:24
    lunga, ma resa scorrevole dalle rime, fila via che è un piacere. che dire... w le donne

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0