accedi   |   crea nuovo account

Alba

Le sagome nere
degli alberi
curvi a fissare
lo stagno plumbeo,
fermo.
D'un tratto
gelido
un brivido
vibra la nebbia opalina,
trafitta
dal primo raggio di sole
spezzato
in mille gemme iridescenti.

... ed è nuova meraviglia.

 

1
8 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 19/08/2016 04:35
    apprezzata... complimenti.
  • Don Pompeo Mongiello il 30/07/2015 18:52
    Oltre ad essere musicale è espressa in modo sensazionale, insomma quella che si può definire vera poesia.

8 commenti:

  • Dorian Gray il 06/12/2008 14:44
    Lorenzo, sei un lettore attento. Si, mi piace rappresentare l'esplodere delle sensazioni, dovute ad un mutamento improvviso... Peccato che tali sensazioni siano una breve "estate di San Martino" nell'inverno dell'esistenza...
    ..."triste in un treno all'alba"
  • augusto villa il 12/12/2007 11:15
    Immagini nitide ed efficaci... L'ultimo verso, speciale, dà l'idea di un voltar pagina nel libro della nostra vita... Complimenti Simone!!!
  • sara rota il 17/11/2007 18:32
    Bellissima... il verso finale poi... magico.
  • Ugo Mastrogiovanni il 14/11/2007 00:03
    Poeta dal particolare rapporto di vicinanza e sintonia con le bellezze della natura che mette in versi di singolare attrazione.
  • Dorian Gray il 13/11/2007 21:44
    Vi ringrazio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0