username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

PIOGGIA

Nasce dall’alto
e invoca il futuro
il fiume della pioggia
porta via il dolore

Novembre di passioni
bagnato di stupore
vede il cielo bruno
e ventidue teschi ammuffiti

Dagli occhi scorrono dieci lacrime
che diventano stallattiti
Le nuvole volteggiano intorno al cuore
I passeri cantano senza ardore

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Ada FIRINO il 26/01/2009 09:59
    I passeri cantano senza ardore. Pessimismo dell'autore o semplicemente intorpidimento del passero, dovuto al freddo?
  • Gabriella Salvatore il 10/11/2007 10:42
    pioggia che lava il dolore, mi piace molto, così come il testo e la struttura, bravissimo
  • Alessandro Castellarin il 10/11/2007 10:25
    Buona struttura, originali le metafore invocate!
    Complimenti.
  • Riccardo Brumana il 10/11/2007 02:50
    BELLISSIMA!!! l'unica cosa, avrei sostituito "Le nuvole" con "corvi" uccelli portatori di morte per antonomasia! ti do dieci anche per alzare un voto ingiusto!
  • laura cuppone il 09/11/2007 20:27
    i ventidue teschi li interpreto come anni..
    anni passati che sembrano lontani..
    la pioggia purifica e lava..
    nuvole intorno al cuore e canti d'uccelli senza ardore..
    malinconia e un po' di pessimismo.. come in Novembre.. bei colori.. ma il gelo sta per arrivare..

    bella.
    ciao L
  • Teodoro De Cesare il 09/11/2007 17:30
    penso che ci sia nell'autunno una forza poetica e cromatica impareggiabile, che hai ben rappresentato qui

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0