PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L A VERITA'

La pietà è rinchiusa nelle lacrime di Cristo,
ma la verità è altra e si scava nel fondo
In una terra malata baciamo la carne putrida della menzogna
Moriamo ogni giorno dentro la verità…
La verità è orrore - Dio come vorrei non capire!
Il rifiuto del silenzio ne crea uno più grande
e la paura annega nel sangue infetto dell’angoscia
Ho scavato più volte nella terra e ho trovato solo verità…
Avrei preferito non incontrarla affatto, eppure…
Eccoci qui ancora ad amare, ancora a sperare, ancora a sognare
Vorrei disperdermi e perdere le mie tracce, annegare nel silenzio tombale
della Menzogna
e forse non esserci mai stato!
I passi dell’impostore sono lenti e composti,
il rispetto ha il fiato corto e ci inebria di odio
Sicuramente e per sempre immersi nell’opaco domani,
pieno di novità e di noia, mi affliggerò con il veleno di un’altra scopata
fasulla e incompleta
Le mie mani sono stanche e le mie gambe
picchiano sul muro del silenzioso nulla
Mentre la vita ci sfugge e ci riduce a insetti meschini,
degni del peggior vino,
sono astemio di gioia ed ebbro di dolore
Ho pianto sì, e continuo a farlo,
ma non mi pento di nulla
Ho pianto per tutto e mi rifletto nell’aquilone di un bambino
Che darei per non essere arrivato fin qui, fino a questo assurdo punto morto,
dove tutto è calcolabile e tutto è buio
Il mio tesoro è la mia condanna e il cielo blu mi evita
Vorrei tanto annegare nei miei ricordi e confondermi nelle acque
cristalline,
perché qui sto male, molto male…
Vorrei che i frutti non fossero sempre acerbi e che la gente capisse
che il denaro non compra tutto
Vorrei che qualcuno fosse in grado di amare e non vivesse nell’assoluto della sua superficialità
Vorrei che le donne non fossero una massa di meretrici arriviste,
che fossero in grado di piangere con il cuore e non con la ragione
Vorrei che un giorno gli uomini imparassero…
Ma vorrei troppe cose e qui non c’è tempo, e forse non ce n’è mai stato!
I miei desideri folli tramontano con i miei anni
e la mia ambiziosa lista finisce dove comincia la vita….

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • sara rota il 15/11/2007 20:31
    Mai dimenticarsi dei correi, ma purtroppo la realtà non è fatta solo di desideri... sperare è comunque logico e sognante. Più che poesia la definirei uno spunto riflessivo.
  • Alessandro Castellarin il 10/11/2007 10:32
    Prosa che descrive lo status sociale moderno... il risultato a cui ci ha condotto questa fottuta frenesia! Bella.
  • Riccardo Brumana il 10/11/2007 03:15
    troppo prosaica per me. molte delle cose che vorresti sono già realtà, almeno in parte, dipende se vedi il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. nel complesso la trovo carina come poesia, bella come riflessione.
  • Anonimo il 10/11/2007 00:37
    È una prosa carica di tanti sentimenti e di verità, l'inizio quasi una preghiera, sperando che la gente capisca il vero senso della vita, poi i rimpianti per una vita che necessaramente sfugge al controllo, ed infine la rabbia.
    Ci sono dei bellissimi passaggi
    Quanta sento le tue parole.
    Ciao Andrea.
    Angelica
  • laura cuppone il 09/11/2007 20:05
    ciao Andrea.
    la poesia è fortemente esposta... fortemente sentita..

    troppe verità, materiali certezze, ma fragili e per nulla durature, per nulla gioiose..
    la tua sembra quasi una preghiera, a un certo punto..
    poi la rabbia prende il sopravvento..
    solo chi ha troppo amato può forse odiare molto..
    ma non sempre la verità è la Verità..
    si distingue, a un certo punto, e si sceglie..

    meglio soffrire nella fatica di restare se stessi che gioire falsamente con una machera in faccia, no?
    l'indifferenza, il dubbio, l'egoismo falsano e uccidono la Verità.. e creano alibi..

    riflessiva..
    profonda..
    ciao L
  • mariella mulas il 09/11/2007 14:34
    Mamma mia come sei inc... to, è un grido di rabbia la tua poesia.. Sembri addirittura disperato... Sì la vita alle volte è menzogna, delusione, sconfitta... Ma il solo fatto che ti permette poi di scrivere i tuoi pensieri è perchè vivi.. vivi nella realtà dove i sogni si scontrano con le utopie ma ti danno la possibilità di ricrederti appena trovi un po' di calma.. e spunterà anche il sorriso di una donna "meretrice" solo del tuo amore. Scrivi pure il tuo malessere.. leggilo ti sentirai meglio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0