accedi   |   crea nuovo account

"Prosperi ricordi"

Misera cittadella d’ imbarco,
funerea vedova di gala
riponi estasi in letargo.


Incedo in anditi brevi,
lodate regge
decorate senza semi.


Una scorsa, un abbraccio alla clessidra,
ricordi trafiggono come dardi;
tale isolato, si allontana a fatica.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • aurora marella il 13/11/2007 15:25
    parole rare e che suonano cone colpi. dà freddo e un'impasse che blocca il fiato nella gola quasi nell'attesa che qualcuno bussi o qualcosa capiti all'improvviso. la speranza di non scappare via un attimo prima del lieto fine. aurora
  • Alessandro Castellarin il 12/11/2007 10:30
    Quando la festa termina... i ricordi trafiggono l'anima!
  • sara rota il 12/11/2007 08:23
    Un po' triste e mesta, ma mi affascina per le parole non troppo forti che hai usato, ma ricolme di significato. Bravo Alessandro. 8
  • Gabriella Brancaleone il 11/11/2007 16:34
    Poche parole e molto ermetiche. Io ci vedo qualcosa che piange per un ricordo emanato a stento

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0