PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

AVE MARIA -di un ateo

Ave Maria
farfalla dei cieli
polline di stelle
che vaghi in preghiere
di poveri cuori
che hanno speranza
di giungere a te

Madre dei figli che vedi
ferma la scia di un lampo
per dar luce
a quelli dispersi

Noi atei o peste
abbiamo nel sogno
l'umana speranza
fatta di ali
per venirti a trovare
nel tuo eterno grembo
di quiete

Ave Maria
nebbia di mente
e luce di chi crede
poniti come speranza
anche per noi figli incidente
di istinti e di impulsi
sfuggiti
a irrefrenabili orgasmi

Ave Maria
quando il tuo nome
scuce le bocche
.. non credo
ma sento una flebile gioia
e non so il perchè

Ave Maria
forse è soltanto
il tuo nome di madre
che richiama i suoi figli
sfuggiti
al destino
... del mondo...
------------------------------
Da:Parole fredde
www. santhers. com

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 25/08/2012 08:06
    molto sentita da un ateo
    complimenti...

2 commenti:

  • augusto villa il 24/11/2006 15:07
    Molto bella e molto profonda questa "poesiera"... Sicuramente più sentita... di quella ufficiale, spesso recitata in automatico...
    Sicuramente da Lei... fra le due... la più gradita.
    Bravo! Ciao!
  • Matteo Sardelli il 09/02/2006 10:15
    Veramente una poesia molto bella e significativa.<br />
    Complimenti all'autore!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0