accedi   |   crea nuovo account

Insonnia

I nostri sentieri sembrano labirinti
A loro ci affidiamo lasciando
paure per barattare incubi
Siamo anime senza meta,
anime sole, anime senza.
Viole oppresse da gelida brina.
Lei ci tiene per mano
cercando una luce
sinonimo di pace.
Si scioglie il ghiaccio
da mille candele
accese da un sorriso…
anche una lacrima nella sua
fragile vita, può essere felice.
Formano una luce adesso fioca
e arido sarà di più questo mio mare
se mai del tuo alimento
non mi potrò nutrire..
Sentimento o passione o un nome,
un orgasmo o forse la tua voce?
Cosa mi lega a te? cosa mi turba?
Cosa sarà questa fragile illusione?
Con te accattone essere voglio:
non un nebbioso sogno…
Ed ogni notte non si perderà…
Piacevole dolore stammi vicino.




scritta a quattro mani(dicembre 2004)
di cui due di
Francesca Vidili che volentieri
mi ha autorizzato a pubblicare.
A lei questa poesia è dedicata.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

17 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 26/11/2007 11:00
    Anime senza meta…ma comunque viole; versi profumati di insoddisfazione e speranza.
  • Paola Reda il 24/11/2007 22:47
    Poesia a quattro mani???? NO, poesia creata all'unisono, da un solo cuore. Non so che altro dirvi se non: bellissima!
  • Cinzia Gargiulo il 23/11/2007 23:13
    Poesia bellissima, direi struggente!!
    Complimenti!!
  • antonio sammaritano il 16/11/2007 20:01
    Ringrazio anche e soprattutto Renato
  • celeste il 16/11/2007 17:32
    Tortuosa già dall'inizio, soddisfa solo in piccola parte.
  • Anonimo il 15/11/2007 23:39
    Complimenti, questa è la poesia più bella che ho letto oggi.
    Mi ha fatto vibrar, vuol dire che mi è piaciuta tanto.
    Complimenti a tutti e due.
    Ciao Angelica
  • Aedo il 15/11/2007 22:55
    Poesia a 4 mani bellissima: mi ha trasmesso emozioni profonde. Partite dalla constatazione della solitudine umana: si vaga nel mondo come anime sole, per poi ritrovare nell'amore un tepore insperato... Complimenti!!!

    Ignazio
  • Michelangelo Cervellera il 15/11/2007 22:16
    Scusa Antonio, volovo dire bravissimi. Michelangelo
  • sara rota il 15/11/2007 22:00
    Bellissimo il verso " anche una lacrima nella sua breve vita può essere felice"... nel complesso un po' troppo triste. Bravi comunque.
  • antonio sammaritano il 15/11/2007 21:59
    Sono davvero contento e vi ringrazio soprattutto per la persona senza la cui collaborazione questi versi non sarebbero mai stati scritti.
  • tania tania il 15/11/2007 21:42
    Bellissimi versi... bravi... "anime sole, anime senza." e "con te accattone essere voglio" stupende parole! (come tutta la poesia) Avete avuto un'ottima intesa nello scriverla! A presto
  • Michelangelo Cervellera il 15/11/2007 21:18
    Ciao Antonio, leggendo la tua bella poesia mi è venuta in mente subito Prevert
    Questo amore
    Così violento
    Così fragile
    Così tenero
    Così disperato

    La trovo tenera, triste e speranzosa.
    Come sempre bravissimo. Michelangelo
  • antonio sammaritano il 15/11/2007 21:01
    ringrazio con affetto Laura e Gabriella
  • laura cuppone il 15/11/2007 19:52
    mesto e delicato.. questo richiamo all'amore, scoperto come bisogno e senza spiegazione..
    ".. con te accattone esser voglio, non nebbioso sogno..."

    bravissimi!!
    ciaoL
  • Gabriella Salvatore il 15/11/2007 13:12
    bella "e arido sarà di più questo mio mare se mai del tuo alimento non mi potrò nutrire", mi piace molto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0