username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Se davvero poi esco...

Di tedio ammaccato
in lividi esco
Nel centro del centro
del nulla, mi mostro

Bisbigli e sbadigli
sbbdato intercetto
tra portici ed angoli
annuso il già detto

Io, sotto il fuoco
dei dirimpettai:
Sguardi bugiardi
Siluri dai muri
schivo d’istinto
e distinto costeggio

Un cielo, dal cielo
mi diluvia addosso
chili di gocce
goccianti e ripiene
di rumoroso liquidio

Squadro, bilioso,
rigagnoli irrequieti
e smaniosi:
esili filamenti, ancora
lungo l’asfalto
di questa catramosa città;
a breve fiumi in piena
in fragorosa rincorsa
verso il mare interminabile

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 15/05/2016 07:30
    molto bella... complimenti.

4 commenti:

  • sara rota il 28/01/2008 11:03
    Molto carino il gioco con le parole molto simili fra loro ma di diverso significato. Davvero apprezzata.
  • Gabriella Salvatore il 24/11/2007 11:43
    molto bella nella sua inquietudine, inquieto anche il linguaggio che la rende suggestiva e ricca di fascino "insano"
    complimenti
  • rexia argento il 22/11/2007 13:45
    non si può volere più di questo. Il genere di poesia che prediligo. Flussi di parole articolate e insane. Ti viene il dubbio se siano progettate o se l'arte si sia presa il pieno possesso di quel istante in cui egli ha scritto. Bravo. mi permetto di votare.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0