PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Natura - di cose conosciute ma mai avute

All'ombra di un sicomoro, su di una verde collinetta, le mie membra riposavo
mentre con lo sguardo sognante, tra prati in fiore e cielo azzurro vagavo.
Togliendo una mano dalla frescura riposante
imitavo il volo di una candida pernice svolazzante.

Da un lato lo sguardo si perdea fra i mille colori dei prati in fiore,
dall'altro mi era impedito da un enorme muro di indefinito colore.
Da esso proveniva una vociante ed allegra cacofonia di bimbi festanti
che mi riempiva il cor di gioia e mi parea di vederli impegnati in allegri giochi danzanti.

Dal parte scoscesa, udivo, come gorgoglio gioioso, il sussurro di un piccolo ruscelletto,
che correndo verso valle, con le sue fresche ed argentee acque riempiva ogni anfratto.
Con la mente immaginavo grigi salmoni risalir la corrente
in cerca del luogo natio, ove dar vita alla migrazione seguente.

Assorto nello sbirciar fra le meraviglie della natura
non notai la sua presenza nella radura.
La vidi con il sole alle spalle, nulla di lei mi si rivelava, se non la sua forma sinuosa,
come venere sorta dal mare, così lei m'apparve nata dalla luce gioiosa.

Senza affanno mi raggiunse in cima alla collinetta, e guardando il mio gioco di mano,
imitò il verso dell'uccelletto con un meraviglioso sorriso, volgendo poi lo sguardo lontano.
Unendo i piccoli e nudi piedini, si rannicchiò all'ombra del sicomoro immoto
ed iniziò un dolce canto, con voce squillante e suadente, svegliando in me un ricordo ormai ignoto.

Fra trilli gioiosi, che dal muro provenivano, il dolce sussuro del ruscelletto e l'incantevole canto,
un torpore invadè il mio essere, e volando insieme alla pernice, mi trovai a sognar l'incanto.
Di mille parole voleva la mia mente liberarsi, ma più del fiato usciì da me un sospir color cremisi
di cose perdute e mai ritrovate, di cose desiderate e mai dimenticate, ed un urlo di gioia emisi.

Piansi, come il ciel in primavera che della pioggia fa una promessa alle vite appena sbocciate,
piansi e risi perchè conobbi la gioia che dalla natura si insinua nelle menti appena create.
Capii che dal ciel viene la pioggia, dalla terra il nutrimento, ma da noi viene l'amore,

12

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • carmela russo il 06/07/2008 23:06
    bellissima, ma sembra più un racconto poetico
  • Vincenzo Capitanucci il 24/03/2008 16:13
    Sublime.. sei un vento che accarezza i fichi maturi... e delicatamente li posa su una tavola bandita... a Nozze... dove l'acqua sorgente si trasforma in di vino

    Con una gioia infantile profonda
    v
  • Riccardo Brumana il 22/12/2007 04:35
    un'intera giornata, un'intero percorso... scorrevole, ma l'avrei preferita più ristretta. nel complesso comunque mi è piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0