PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

D'abbaglio

Scoglio la sabbia che passa nube fra terra e cielo
che indossa lo zampillo alla sorgente d’orizzonte
andando giardino il mare fra gli alberi sudati delle navi.
Vela e remo per andare ali frammenti del vento in silenzio.
Fra amici risorge il sole nella stanza dei ciechi flauto.
E comincia parola quasi nota in un bicchiere sordo imbuto
all’abisso che da passante irreprensibile sporgenza sbuca
elegante d’abbaglio damerino a bere il cielo senza pioggia.
Una piccola casa fra costole ripiegate di ulivi e pini la riva.
Sul naufragio l’orecchio ode e tu cogli si scorre.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Tiziana Monari il 18/11/2007 08:46
    .. questa poeta mi sembra di conoscerlo... splendida Diego... ma tanto ormai o sai... baciobacio titty
  • tania tania il 18/11/2007 05:45
    Un tragitto tortuoso... quando credo di aver capito una frase mi scordo la precedente... ma non è una critica... mi succedeva anche a scuola con qualche filosofo un po'sibillino!!! A presto!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0