accedi   |   crea nuovo account

"A mia Madre"

Dolce maliarda,
ad un tuo fatale sguardo
l’ anima rassegna.


Rammento.

Blandizie
apostrofare dimore
devote:
melodia.
Ferreo tonfo di lampi,
spezzare
quiete di peccatori:
audacia.
Balsamo di conforto
purificare il cosmo:
umanità.


Estasiando il turchino velo che ti colma,
avverto
di quanto sia povero d’ amore.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Tiziana Monari il 18/11/2007 08:45
    .. e' splendida... davvero splendida...
  • Michelangelo Cervellera il 18/11/2007 01:37
    Bella nella descrizione dell'amore di questa madre anche se io sono ateo. Michlangelo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0