accedi   |   crea nuovo account

Voci della mia Terra

Canto del mare, respiro del vento
scendete al mio cuore al par che un lamento.
In voi odo parlare accorata una voce,
un sussurro, ora piano, ora sempre più forte,

or quasi un grido che strazia.
Mi narra una storia lontana, ma viva,
e ancora presente; di gente passata;
di chi un giorno è fuggito,

fissando il suo lido oltre il sole e ancora,
laggiù ove l’occhio non può più arrivare,
a portarne il ricordo nel cuore,
a conforto, chissà, di un dì meno felice.

Racconta di gente rimasta con coraggio
a lottare, anche quando il suo corpo
è proteso con forza verso chi non c’è più.
Di gente che la vita, il dolore, ha indurito,

che soffre, ma asciutto è il suo ciglio.
La fierezza ne scorgi nel volto,
il suo sguardo ha mille parole,
ma muto è il suo labbro.


Non suoni, non voci ora io posso più udire;
odo solo il bisbìglio del vento,
solamente il sussurro del mare.
Sono le voci della mia gente,

sono l’anima della mia terra.
Terra di querce piegate dal vento
che i rami ne forza, ti amo
e, quasi, non ti conosco.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • Anonimo il 13/05/2011 12:05
    una terra bellissima... ci sono stata più di una volta... sono l'animka della mia terra... le tue radici Ada... complimenti di cuore...
  • Giovanni De Lombardis il 30/03/2009 11:42
    SCRIVERE DELLA PROPRIA TERRA NEMMENO FOSSERO IN ESILIO.
    RIDICOLO
  • Giovanni De Lombardis il 30/03/2009 11:40
    ROBA DA VECCHI
  • Massimo Migliore il 13/03/2009 12:14
    Sublime...
  • Ada FIRINO il 21/07/2008 12:57
    Ed io amo che tu ami tutte queste cose.
    Grazie infinite, Vincenzo!
  • VINCENZO ROCCIOLO il 20/07/2008 14:11
    Amo la tua terra. Amo la tua poesia. Amo il tuo modo di essere. Amo il tuo modo di scrivere.
  • Ada FIRINO il 14/05/2008 16:22
    Belle le tue parole, Naida, e ti ringrazio, è un dolore che non si cancella.
  • Ada FIRINO il 14/05/2008 16:20
    Grazie Pier Francesco, tu lo sai vero, quello che provo? È una nostalgia profonda che mi prende fin nelel viscere.
    Un abbraccio a te.
  • Pier Francesco Maguledda il 09/05/2008 16:08
    Nostalgico omaggio, sofferta consapevolezza dell'amore per una terra lontana ma sempre impressa dentro il tuo cuore. Bellissimo il finale. Ti mando un abbraccio dalla tua SARDEGNA
  • Ada FIRINO il 05/03/2008 15:02
    Grazie Maria Teresa, Vacci presto! Il mal di Sardegna è un po' come il Mal d'Africa Non la dimenticherai mai!
  • terry Deleo il 04/03/2008 16:37
    Anche io, come Luigi, non sento "mia" nessuna terra... ma prima o poi scoprirò la bellezza della tua. Brava Ada, stupendi versi.
  • Ada FIRINO il 20/12/2007 01:24
    Amo la mia Terra, amo i suoi profumi e le onde del suo mare che ora accarezzano dolci le sue coste, ora si frangono violente contro le rocce a creare bianchissime e spumeggianti nuvole che ti accarezzano in mille spruzzi. Amo le torride giornate ed il canto delle cicale a sera. Amo tutto quello che ho dovuto lasciare, che mi è rimasto nel cuore, ancor prima di averlo assaporato pienamente.
    Grazie.
    Ada
  • Anonimo il 25/11/2007 15:29
    Bella questa dichiarazione d'amore per una terra che lascia il segno nel cuore.
    Ciao Ada
    Angelica
  • luigi deluca il 25/11/2007 07:19
    io, che purtroppo, non riesco a provare amore per la "mia" terra, non riuscendo a sentirne nessuna, "mia" , invidio questo tuo sofferto amore, descritto con malinconica dolcezza, un 9 credo proprio meritato! gigi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0