PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Voglia di vita

Un fiore dal dolce profumo,
stretto fra i rovi
sul ciglio d’un fosso,
alza il suo capo,
con segreto timore,
a guardar le corolle
poco più in là,
sul prato vicino
morbido d’erba.
Guarda, e pietosa
attende una mano
che tra i tenui
colori del prato
lo posi.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Ada FIRINO il 01/08/2011 14:44
    Carla, grazie. Scritta tanti anni fa, quando la tristezza pareva dovermi sopraffare. Ora sono più "grande" e più forte, per fortuna. Bacioni
  • Anonimo il 01/08/2011 13:09
    dolcissima e delicata... un fiore che attende una mano amica... per non morire bellissima cara ada
  • Ada FIRINO il 27/06/2010 16:55
    Donato e Melany siete cari a dirmi queste cose. grazie.
    Era una poesia molto sofferta, quando mi sembrava di non avere vie d'uscita.
  • Anonimo il 18/05/2010 20:45
    Le cose delicate sono quelle che hanno bisogno di più cura.. comunque piaciuta!
  • Donato Delfin8 il 26/11/2008 09:24
    Dolce come sempre.. questa e' la piccola ke e' in te!!!
  • Ada FIRINO il 02/09/2008 09:40
    Augusto! Non sempre è facile raggiungere quel prato, ma, come dici tu, a volte dipende solo da noi. Ora quel fiore vive tra magici colori, ha trovato la forza di scavalcare i rovi e godere dei tenui e vivi colori del prato vicino.
    Margherita, grazie per il tuo commento
  • augusto villa il 23/01/2008 11:45
    Complimenti, molto bella, ottima metafora... Ci sentiamo un po' tutti così... Ma la colpa è nostra (genere umano) e comunque abbiamo la possibilità di raggiungerlo quel prato... mentre quel fiore, poverino...
    Ciao!!!
  • Ada FIRINO il 24/12/2007 04:44
    Vero, Roberto, Luigi e Oceano... un'anima che attende un verde prato dove poter finalmente vivere e gioire.
    Ada
  • luigi deluca il 25/11/2007 07:24
    vedo in questa metafora, la voglia di una persona che non si sente a suo agio nell'ambiente che la circonda, di essere, come dire, rapita e portata in un luogo a lei idoneo... però, forse, ho preso una cantonata gigi
  • roberto mestrone il 22/11/2007 22:26
    Dolcissimo fiore... che attende la carezza di una mano e l'abbraccio di un morbido prato.
    Brava Ada!
    Ro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0