accedi   |   crea nuovo account

VIAGGI

Connessione..

Tentativi e fallimenti,
Schermate indesiderate,
A volte sognate...

Pioggia di stimoli
Elettronici,
Impulsi figli del fuoco della fretta,
Disorientati spilli
Sparati in solitudini emotive,
Caratteri che
Colpiscono direzioni opposte e
Provocano ferite in millimetrici lampeggianti spazi,
Che non dissanguano ma scuotono
O regalano sensazioni inaspettate
E voli imprevisti…

Poi metafisiche realtà riportano nel guscio
E davanzale approda,
Rientra

E disconnette…

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • laura cuppone il 19/11/2007 10:39
    ...
    non è mai abbastanza quando il parlare è dialogo..
    e poi chi se ne frega..
    possiamo stare qui a chiacchierare quanto ci pare, no??

    ciao Gabriella..
    grazie
    L
  • Gabriella Salvatore il 19/11/2007 10:27
    ecco, mi sembrava troppo ovvio, il viaggio virtuale e ho voluto complicarmi la vita con strane elucubrazioni, mentre spesso la realtà è più semplice di quello che crediamo.

    Dipende da come si usa, dici, proprio come tutte le cose, sta a noi decidere, abbiamo ilpotere di accenderlo e spegnerlo e usare il tempodella connessione per comunicare, per scambiare sensazioni, conoscere (virtualmente parlando) persone nuove, poi si ritorna nella vita "reale" che è quella che cona veramente e con la quale dobbiamo fare i conti tutti i giorni.
    Grazie del chiarimento, ciao, è meglio che mi disconnetta ora perchè sto parlando troppo
  • laura cuppone il 19/11/2007 10:15

    nessun trip.. no..
    ciao gabriella..
    i viaggi sono virtuali.. dietro un pc.. un davanzale..
    viaggi mai reali.. parole lette e scritte mai del tutto vere.. o verissime ma incredibili..
    a volte si legge qualcosa e ci si illude..
    a volte si scrive qualcosa e si viene fraintesi..
    il cursore, i millimetrici spazi, non sono sufficenti a contenere il pensiero, nonostante ci si sforzi, non c'è che un riflesso di noi...
    poi la realtà ci riporta sulla sedia, in casa, in ufficio...
    l'accensione e lo spegnimento di quest'affare può essere un piacevole passatempo.. ma anche uno strumento di comunicazione..
    dipende da come si usa..

    grazie Ciao L
  • Gabriella Salvatore il 19/11/2007 10:07
    io l'ho intesa come viaggi allucinati, evasioni d'acido che disconnettono dal mondo reale e ti fanno fare voli imprevedibili, ti connettono con l'immaginario sognato, fino al rientro nel mondo reale, dove si vorrebbe staccare i contatti.
    Ma è una mia interpretazione, magari lontana anni luce da quello che volevi esprimere.
    Un saluto
  • laura cuppone il 18/11/2007 23:49
    grazie Riccardo..
    ciaoL
  • Riccardo Brumana il 18/11/2007 22:20
    la trovo divertente, piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0