username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

A che vale questo mondo...

A che vale questo mondo malato e deformato
…e io non posso nulla?
A che vale questo mondo pieno di sofferenza e indifferenza
…. e un mio gesto non cambia nulla?
A che vale la vita
per quanto meravigliosa cerchiamo di farla sembrare
se poi alla fine ad attenderci è una sola sorte?
Giusta o ingiusta che sia
ci porta irrimediabilmente via…
…tutti i nostri errori dissolti e irrisolti…
…tutti i nostri sogni mai realizzati…
…. e alle prime luci calde del mattino come nebbia dissipati…



2004

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 05/03/2008 09:51
    Eppure c'è tanta voglia di ribellione... stufo di nuotare in queste acque nere di impotenza... che hanno sapore di un'enorme menzogna... la vita è qualcosa d'altro... queste luci calde mattutine.. che vivono e gridano in noi... dissiperanno la nebbia... dando luce e vita al nostro sogno

    Un valido saluto
    Vincenzo
  • Giampaolo Angius il 23/02/2008 11:26
    Il mio segreto per sopravvivere serenamente (+ o -)a quello che hai egregiamente espresso in accorati versi è recitare quotidianamente questa preghiera "Signore, concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare quelle che posso, la saggezza di conoscerne la differenza." Serene 24 ore
  • laura cuppone il 18/11/2007 20:15
    infatti osservavo la data..
    sono contenta per te..
    ciaoL
  • patrizia sgura il 18/11/2007 20:06
    grazie ragazzi... in effetti quando ho scritto questa poesia, cioè tre anni fa, ero un po' a terra... ma le mie poesie non sono tutte così... ma quello era davvero un periodo no... lo so... i sogni sono importanti... ora lo so... perchè ne ho realizzato qualcuno... grazie a tutti... smak
  • laura cuppone il 18/11/2007 20:00
    visione alquanto pessimistica e demoralizzata della vita..
    ma non sei seduta su una sedia a guardare una commeedia.. o tragedia..
    tu sei sul palcoscenico.. tu decidi davvero chi e come devi essere.. chi e come amare.. chi e come aiutare..
    se vivere!!!
    gioia e dolore..
    non c'è niente da fare..
    così è stato e così sarà sempre..
    e tu vali.. come tutti..
    ciaoL
  • Anonimo il 18/11/2007 19:54
    E'difficile ma dobbiamo sperare, illuderci che questa vita valga a qualcosa, che "i sogni possano realizzarsi", che "la sofferenza del mondo" possa essere non dico distrutta ma mitigata "da piccoli gesti da parte di tutti".. Solo così potremmo davvero sopravvivere...
    Comunque brava Patrizia.
  • Riccardo Brumana il 18/11/2007 19:41
    sia per noi che per chi verrà non possiamo lasciare così questo mondo, meglio darsi da fare e non star fermi a guardare. il nostro operato riecheggerà nel futuro e non andrà perso, il nostro spirito se "se avremo vissuto con amore" ritornerà alla Fonte e non sarà perso, viviamo la nostra vita prima che si riduca in cenere! ciao patty
  • Ivan Bui il 18/11/2007 12:16
    Vale, vale per tutti quelli che non si rassegnano, vale per tutti quelli che hanno voglia di conoscersi, vale per poter laggere i versi di una poesia, in una domenica di novembre... Brava.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0