username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ginestra.

Insostenibile morte
dell'essere,
accartocciarsi
come ginestra,
incolore,
alla vita,
in un bunker
di silenzi

dei tuoi anni,
trascinati,
che ormai non sanno più
nemmeno come
bruciare
sogni
di carta -
pesta

e perfino
quattro mura,
vrtuali,
profumano
adesso
di casa.

La bandiera che stringe
il tuo collo
è bianca,
ma
io ero qui,


Amore mio,

e hai permesso
che il tuo lento,
sordo
annaspare
distorcesse
e seppellisse
ogni cosa..

Anche me.

Io mi rifiuto
di esistere come
un'inquieta
ed emotiva
ombra
nel tuo mondo
di lattice.

Io ero qui.


Con te.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Massimiliano Colucci il 30/06/2008 20:37
    Terribile quel verso: "ombra nel tuo mondo di lattice"
  • Antonio Pani il 12/12/2007 15:51
    La trovo profondamente triste. Non so perchè ma non riesco "a vedere la luce". Molto apprezzata. A rileggersi, ciao.
  • francesco sobberi il 03/12/2007 15:08
    Amore e fisicità. Traspare il disappunto di un'occasione perduta. Ottimo il punto dopo "Ginestra."
  • Ezio Grieco il 21/11/2007 23:58
    ... non condivido quel misero due... a me...è piaciuta, anzi ti dico anche... brava!!!
    mikelus

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0