username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

old thing

Mi dispiace cosi tanto che tu non possa arrivare a capirmi. Mi dispiace che purtroppo tu sia limitato nel dare la giusta attribuzione a gesti, espressioni e sentimenti. tutti quei pregiudizi che ti attanaggliano la mente non sono altro che nuvole grigie che ti circondano la testa. dentro, forse c'è l'energia del sole e la forza brillante della luna. se tu sapessi e conoscessi questi tuoi limiti, ne farsti tesoro e spareresti al mondo per avermi. L'unicità dei nostri corpi, di noi io non l'avro che tra qualche tempo... quell'essere uno è un'incredibile sensazione che adesso mi terrorizza. Ho tanta paura di legarmi ad un altro uomo. È stato difficile capire ciò che realmente volevo, forse farei bene a viaggiare un po' e a farlo da sola... chissà.. Mi addolora tanto sentirti dire che ti ho fatto star male, ch ti ho fatto soffrire ma Il dolore mi ha portato ovunque e lontano da te, lontano, lontano.
Avrei solo voglia di tenerti dentro di me.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Salvatore Ferranti il 19/10/2009 09:36
    più che poesia, una riflessione -esternazione... comunque bravo
  • sara rota il 26/11/2007 16:02
    Più che poesia uno sfogo... un qualcosa che c'è stato, forte per te, ma forse non così forte per lui. Certo i ricordi ti resteranno per sempre, ma non crogiolarti nel dolore... vivi e cerca, cerca, cerca.
  • simona bertocchi il 20/11/2007 20:36
    Cara Amira, i tempi dell'amore vanno sempre ascoltati, i moti del cuore vanno seguiti, ci vuole sempre un po' prima che il mare in tempesta si calmi. Questo tuo scritto lo sento anche un po' mio.
    Simona

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0