PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

senza titolo

Irraggiungibili traguardi sprezzano il sapore di vivere
spruzzano d'un fastidioso triste ripetersi
e credere in finzioni lucide, stridere
come stelle brillanti e come stelle lontane
togliendo roccia e terra sotto i piedi
e naufragando vane.

gridando all'universo ed oltre
l'eco rimbomba e torna nella testa

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Luigi Lucantoni il 04/01/2008 23:56
    L'universo è dentro di noi, basta ricollegarsi al passo di Schopenhauer (l'avrò scritto male): realtà=rappresentazione.
  • Umberto Briacco il 17/12/2007 16:22
    Forse credere in finzioni lucide o opache è l'unica maniera di vivere. L'ultimo verso mi è di difficile interpretazione. Comunque ti vedo ottimista, almeno c'è l'eco. Saluti
  • augusto villa il 04/12/2007 16:39
    Molto bella, Egon,... Complimenti davvero!
  • giuliano paolini il 24/11/2007 09:53
    sei propio un bel ricciolone ecco il mio titolo
    strafugnato

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0