PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

VORREI

Vorrei vagare nell'universo
e cercarti ovunque,
nelle intrecciate tele di un ragno,
nel fruscio delle foglie morte,
nel dondolare dei rami stecchiti,
nel profumo d'un incensiere,
sfogliando la Bibbia
dinanzi al portone d'un antico monastero.
Vorrei essere portato via da te nella tua carrozza
lontano dalla prigione d'un grattacielo
lungo le strade dell'inverno
ed osservare riflessa nel lago argentato
la mia immagine vecchia e deforme
trasformarsi nella tua pelle giovane e bianca
e contare poi una per una
le perle della tua corona.
Vorrei capire chi sono
mostrandoti fotografie sbiadite e diari segreti,
mostrandoti la scia luminosa dei ricordi
di quello che ero ieri,
l'anima immortale che vive nei miei versi adesso,
la statua, la lapide e la polvere
di ciò che rimarrà dei miei sogni domani.
Vento impetuoso della fuggrvole immaginazione mia
tu spalanchi con forza la porta di questa mai tacita realtà
e nelle annebbiate stanze del tuo nido
io mi sto semopre più addentrando.
Ed ora sento di poterti raggiungere.
Vorriei avvicinarmi ma non so chi sei
vorrei chiamarti ma non so il tuo nome
vorrei seguirti ma tu ti stai sciogliendo lentamente in aria
scompari quando credo d'afferrarti.
Eppure io ti inseguo da sempre
nei labirinti della mia mente,
cercandoti affannosamente
in ogni piccolo spazio della mia camera vuota e solitaria,
e nelle lacrime della solitudine mia
che percorron lente il mio viso pulito
vedo i miei sogni evanescenti morire uno dopo l'altro,
ed un bimbo
quel bimbo che vive in ognuno di noi
li porta con sè invecchiati
fino ad estinguersi nel riposante approdo d'un obitorio.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • danilo il 09/04/2014 23:00
    Stupendo questo tuo scritto..
    la tristezza sembra quasi palpabile...
  • Anonimo il 24/11/2007 00:38
    Un'opera molto triste, ma è inutile a me piacciono troppo, mi riconosco nella sofferenza.
    Complimenti Claudio
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0