PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

vorrei che qualcuno mi mettesse il titolo

sappiamo della pioggia
siamo i gestori delle serate umide
tu
avanzi incontro a me a corto di fiato
e' stanco d'improvviso
il vento cade addosso agli alberi
sara e' una macchia di colore
ora
ne valeva la pena.

 

1
8 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 13/08/2012 09:59
    ... arguta come poesia,
    complimenti...

8 commenti:

  • gabriella zafferoni sala il 28/11/2007 09:39
    ORA, son d'accordo. ma non solo orare, anche trasmettere, comunicare.
    MAJA, forse anche, che è l'arte di stupire, ammaliare, sedurre..
  • Donatella il 26/11/2007 11:00
    Il gelataio dalla parnanza inzaccherata!
  • Riccardo Brumana il 24/11/2007 14:12
    sinceramente la trovo poco ispirata... il titolo?
    "Riflessi di lei"
  • laura cuppone il 24/11/2007 00:41
    Come ha sottolineato Ugo, lei e il paesaggio si sfiorano soltanto..
    suggestiva..
    io la intitolerei..."VISIONI"..

    ciao. L
  • Ugo Mastrogiovanni il 23/11/2007 21:41
    Due nette delimitazioni del campo: il paesaggio e lei. (Penso trattasi di Sara con la lettera maiuscola, altrimenti non avrei capito nulla). In questo dipinto la poesia è il prodotto di un’esperienza vera, senza finzioni e illusioni: una macchia di colore che valeva la pena incontrare. Il titolo? Io la intitolerei SARA.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0