username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il vento

Stamane il vento mi raccontava di te sfilando nuvole rosse. In silenzio, lentamente le scrimava come una spazzola un crine,
parlando una ligua dolce che credevo non conoscere.
Esse chinavano lievemente il capo intenerite. Come una bimba alla carezza della madre, prima che cominci un nuovo giorno.
E promesse di un lungo giorno stupendo con sole ed erba verde da non sembrar vera.
Si era accorto che avevo dimenticato quanto potessero essere rosse e le stendeva per mostrandomele al meglio.
Per delicatezza non ha fatto il tuo nome, ma ho capito che parlava di te da come le mostrava.
Perchè potessi e continuare a credere che nuvole rosse o una donna che amo... e poi... .

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • elio roberto rinaldi il 04/07/2009 20:18
    bella
  • Francesco Lannino il 15/12/2008 01:02
    Leggera ed ispirata, molto romantica. Un'unica pecca: avresti probabilmente dovuto curare di più la metrica, a volte un po' svirgola. Comunque un bel lavoro!
  • giorgio giorgi il 01/12/2007 16:46
    bravo, molto romantica
  • alberto accorsi il 30/11/2007 19:23
    Prosa poetica delicata e suggestiva.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0