accedi   |   crea nuovo account

A Francesca

Eclissi di volti familiari
medici infermieri
di mente diversa dalla oscurità del vivere
assuefatti
opulenta società la annulla.
Un filo tra le catene
di sfortunato corpo a tessere
l'anima a Dio libra.
Io, dio rancoroso,
delle barbarie il perchè non capisco
alla illusione del filo
una mia carezza, a Te Francesca, rimanga.

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • bernardo gentile il 30/10/2008 14:42
    x Carmelo, che modo simpatico e vivace di vergare hai, però tuttavia tira via il preservativo dalla testa poichè chiude dentro di te la esposizione del tuo concetto.
    ciao
  • Gabriella Salvatore il 13/12/2007 11:30
    Bellissima e tristissima, il finale è commovente, bravissimo
  • augusto villa il 29/11/2007 09:48
    Molto bella!!!... Bravo!
  • laura cuppone il 25/11/2007 23:42
    bella e profonda..
    triste e dolce..
    bravo.
    ciao L
  • tania tania il 25/11/2007 15:38
    Bella!! Soprattutto in chiusura...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0