username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

SCARTO

Il puzzle è completo:
ogni tassello ordinato,
minuziosamente riposto.
Non c'era copertina
a svelarne in anticipo
l'effetto finale.
Che delusione
dopo lunga e paziente fatica.
Meglio riporla tra
le differenziate carte
di materiali di scarto.

23/11/2007
nata da una frase inviatami, dalla sensazione che mi ha provocato.. se quella persona la dovesse leggere potrebbe fraintendere, ma io mi sentivo così.. nella mia razionalità sono anche impulsiva, l'ho scritta di getto e senza ripensamenti la lascio così com'è... confido e credo nell'intelligenza di quella persona e nella sua ipersensibilità.. se dovesse rifrequentare di nuovo queste pagine web e la dovesse leggere chiederà spiegazioni. ma non è lui il soggetto di questi versi.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Michelangelo Cervellera il 18/12/2007 20:49
    Che grande delusione deve essere stato lavorare a questo puzzle per poi scartarlo. Poesia intimamente profonda (così mi sembra) e rimane solo l'amarezza di aver lavoraro invano. mi piace sempre molto come scrivi. Ciao, Michelangelo
  • Marco Vincenti il 10/12/2007 00:25
    Il dolore di un addio descritto con una triste e malinconica immagine.
  • Paola Reda il 01/12/2007 23:00
    Lascia le sensazioni che il comportamento degli altri ti suscitano... fidati! Pensa solo a ciò che SENTI DENTRO IL TUO CUORE, cioè il tuo essere vera, senza induzioni. Io ho provato a lungo ciò che descrivi ed, alla fine, ho trovato serenità solo nel comprendere ed accettare me stessa. Allora sì che ci si apprezza, nel bene e nel male poichè siamo veramenta noi stessi.
  • Riccardo Brumana il 30/11/2007 23:23
    è desolante lavorare per qualcosa che alla fine non ci soddisfa. bella riflessione.
  • Maria Lupo il 28/11/2007 02:12
    Molto bella, Marta... però preferisco leggerla e interpretarla indipendentemente dall'occasione che te l'ha suggerita. Come diceva il personaggio di Massimo Troisi nel "Postino": la poesia non è di chi la scrive, ma di chi la legge(non diceva proprio così ma questo era il senso). Sei molto brava, comunque.
  • laura cuppone il 25/11/2007 18:41
    il messaggio... nel messaggio...

    la fatica ripaga sempre..
    il tempo vince..
    Chi lo sa, Marta...

    bella e sottile.
    Ciao L
  • Alessandro Castellarin il 25/11/2007 13:33
    Profondità rara, fluidà senza eguali. Capolavoro.
  • Ivan Bui il 25/11/2007 12:40
    ... se una frase ti ispira versi tanto belli, spero che quella persona si rifaccia viva, sai quante poesie stupende ci regalerai. Bravissima.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0