username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

... fòrse l'è colpa dla nèbia

Tratta dalla raccolta: al dialèt dla miè zènt


A navrè mai dit ad tgnòsar una 'csì,
si, l'è blìna, ma gnènt d'ecezionàl,
la ga du òc cat fulmina,
quand la rid, lat fa star ben,
o Dio, ogni tant la cambia umòr, tagh vanzi mal,
at vanzi un po' li csì,
però, parchè lam piasa tant, an lo i ncòra capì,
chisà da in du cla salta fòra...
ma adès la ghé e a son cuntent,
forse, sti quei chi, i capita sol a Frara,
a srà colpa dl'umdità, dla nèbia,
a srà colpa...
ma adès la ghè e a son cuntènt...

------

Premesso che i dialetti sono una forma espressiva essenzialmente orale, quello ferarrese in particolare, credo sia giusto coltivare e promuovere queste forme espressive (ricca la tradizione ferrarese ), anche se a differenza di dialetti come quello romano, napoletano, ecc., resteranno "prodotti" di nicchia.

Non allego mai la traduzione in italiano, se qualcuno vuole spiegazioni o desidera approfondfire può sempre rivolgersi ai poeti e scrittori ferraresi che nel sito non mancano (Caterina Zanella e altri...).

Per tentare di usare termini il più possibile corretti, ho consultato il VOCABOLARIO DEL DIALETTO FERRARESE, edizioni Cartografica.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

25 commenti:

  • Cesira Sinibaldi il 25/01/2010 16:58
    È troppo carina!! Il dialetto per me è prezioso, lo studio e lo diffondo con vari progetti, ma non lo strumentalizzo come vorrebbero "alcuni", per questo mi è piaciuta moltissimo... magari ne metto anch'io una nel mio dialetto. Io il ferrarese l'ho capito, tu il mio (che ha poche vocali) chissà!!!
  • augusto villa il 01/03/2009 12:50
    Complimenti Ivan... è molto bella!... e poi in dialetto lo è ancora di piu'
  • lupoalato maria cannavacciuolo il 02/07/2008 14:34
    sincera: mi piacerebbe sapere la traduzione solo per apprezzare meglio le tue scelte e le tue parole.
    Purtroppo la bellezza e allo stesso tempo la particolarità dei dialetti e che chi non lo conosce non lo può apprezzare.
    e ti parlo io che qui in zona è una lotta continua tra romanaccio stretto in inverno e napoletano "verace" in estate.
    ormai sono una studiosa di qeusti dialetti mi piacerebbe cmq integrare anche il ferrarese (tipo: poliglotta battutina) ciaoooooooooo
  • terry Deleo il 22/01/2008 21:51
    Deliziosa, molto deliziosa.
    Anche a Torino c'è la nebbia... ma queste cose capitano solo a Ferrara...
  • Claudio Amicucci il 11/01/2008 01:22
    Il dialetto è sempre qualcosa di meraviglioso. Ho scritto alcuni versi in romanesco poiché li ho passato la mia vita. Attualmente recito con un gruppo di amatori teatrali in dialetto "tagliacozzano" che sarebbe un paese abruzzese: Tagliacozzo. Ci sono espressioni che tradotte non avrebbero la stessa forza espressiva. Ciao Claudio
  • Ada FIRINO il 23/12/2007 00:42
    Bella poesia, mi piacciono le poesie dialettali, spesso alcune parole esprimono più a fondo significati che la lingua italiana non riesce a rendere.
    Ma che bravo, Ivan!
    Ada
  • Paola Bonc il 19/12/2007 11:48
    bellissima! molto dolce.
    fortunata la donna a cui l'hai dedicata.
  • Ugo Mastrogiovanni il 19/12/2007 11:32
    Caro Ivan, l’ho letta più di una volta ed ho cercato in tutti i modi di capirne almeno il succo senza riuscirci; stavo per abbandonare l’impresa quando ho visto la traduzione della gentile Zanella che ringrazio. Direi che questi tuoi versi sono il vertice della delicatezza: complimenti.
  • morena paolini il 07/12/2007 23:56
    Finalmente un dialetto un po' comprensibile anche per me!
    Piaciuta molto.
    Bravo Ivan. Ciao.
    (ps.) sono di Bologna, ma ho capito quasi tutto.
  • Umberto Briacco il 03/12/2007 10:38
    Meraviglia delle meraviglie. Adoro i dialetti, perchè sono immediati come i sentimenti. Lo stupore infatile (in senso buono) dell'autore davanti all'amata è reso dal testo superbamente. Grazie a dio tra fellini guccini e modena city ramblers un po' di questo dialetto (o qualcosa di li vicino) s'è gia masticato. Ne voglio ancora! Saluti
  • nicoletta spina il 02/12/2007 14:53
    sono proprio entrata nell'atmosfera... i suoi occhi, il sorriso, la nebbia, la tua allegria. Bravo Ivan! Viva il dialetto... e la romantica nebbiolina.
  • Anna G. Mormina il 30/11/2007 14:49
    Ciao Ivan,
    premetto subito che ho letto la traduzione della nostra amica Caterina...

    ... dovessi ricevere una poesia come questa, sarei felicissima!!!
    È una stupenda dichiarazione d'amore!!!
    Ti abbraccio con un sorriso!
  • Maria Lupo il 28/11/2007 01:32
    Che brava che sono, avevo capito tutto...
  • Marta Niero il 27/11/2007 22:22
    bellissima Ivan.. ma grazie a Caterina l'ho assaporata tutta..
    ah queste donne..
  • Ivan Bui il 27/11/2007 21:12
    Sapevo che non avresti resistito... comunque hai un futuro come traduttrice.

    Non allego mai la traduzione perché in dialetto ha un fascino diverso, suoni diversi, in italiano perde molto della sua incisività.
  • Maria Lupo il 27/11/2007 19:34
    Perchè non alleghi mai la traduzione? Comunque si capisce abbastanza e mi sembra carina..."No i capita sol a Frara".

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0