username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Mille pezzi

eri davanti a me
e mi guardavi
hai l mio cuore
mi dicesti
non lo trattare male
e nella sera che era quasi notte
è stato un tuono
quando mi chiamasti per nome
io che il mio nome
non lo sento mai.

nella notte
ho riscritto
quelle parole
e ho impresso il momento
nella memoria
per trovarlo ora
che ho freddo
per riviverlo ora
che sono stanca
per trovare silenzio
che nel rumore di questa assemblea immatura
si mescola ai trilli alle voci alle sedie spostate.

pensavo di farcela
da sola
al contrario
mi perdo
dietro di me.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Fiscanto. il 22/10/2009 13:04
    piaciuta
  • Raju Kp il 17/05/2008 10:59
    introspettiva, molta bella. Di perdere dietro di me questo ultime due frasi dicono tutto., una parte di te vince e più avanti ma al costo che l'altra parte di te perde. sembra che non possiamo vincere completamente perchè il silenzio che voui trovare non essiste.. molto bella
  • Emiliano Rizzo il 29/04/2008 20:55
    ah! se questo non è Amore! Allora cos'è? Quando farai un bel libro con TUTTE le tue poesie? io nel frattempo le leggo, ma tu pensaci, un libro non è qualcosa che si conclude, un capitolo, è un altro inizio
  • Alessandro Castellarin il 29/11/2007 09:46
    Vivi per non far disperdere l'esistenza nel labirinto della ragione... Ogni sensazione va vissuta!
    Bellissima ed emozionante lirica!
  • Alessandro Cancian il 29/11/2007 09:19
    poesia molto bella e sentita. le ultime due righe mi sono davvero piaciute!
  • Marco Vincenti il 29/11/2007 00:05
    Tristemente bella... come potrebbe essere bello perdersi dietro se stessi se solo ci indicassero la via per dimenticare! UN sorriso in qsti casi aiuta a ritrovarsi
  • tania tania il 28/11/2007 22:51
    non so perché mi trasmette, non la fine di un amore, ma la fine di una vita... sarà così o è solo che le parole vengono disegnate soggettivamente dagli occhi che le leggono..."io che il mio nome non lo sento mai" "rumore di questa assemblea immatura" e "mi perdo dietro di me" sono le frasi che mi piacciono di più... comunque... bella tutta.. brava Aurora!
  • katia debora melis il 28/11/2007 19:01
    complimenti... fine, chiara, tagliente descrizione di quei momenti che raramente vengono così ben ritratti. Molto bella.
  • Aedo il 28/11/2007 17:54
    La tua poesia è bellissima: analizzi con la delicatezza di una fine poetessa i momenti di un contrastato amore, per poi scavare nella memoria e nell'interiorità.
    Non capisco come "un anonimo"ti abbia potuto mettere 5; ho cercato di compensare dandoti un bel 9. Bravissima!
    Ciao
    Ignazio
  • Tony Fontana il 28/11/2007 12:39
    bella molto intrspettiva, cosi' chiaro il senso ancora fresco di una sconfitta, ti sei persa nel labirinto interno del tuo IO, puoi uscirne molto semplicemete... volendolo!!!!... Tony

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0