PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ode per Alma

Godimi anche tu,
mia dolce Almina:
accogli il mio sonno
sul tuo ventre
che sa di neri fiori
dai petali infuocati.
Di savie follie e di sospiri,
di incessanti umori,
per ancestrali istinti.
Fonderanno
i nostri corpi eterni.
Non apparterremo
più agli umani:
percorreremo acque
cristalline,
terre di candidi peccati,
boschi di fate
di cui sarai regina.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0