accedi   |   crea nuovo account

Giudizio Universale

Vortici in tempesta
da far alzar la testa;
nuvoli in picchiata
tra alcioni in mal parata

Fiamme all’orizzonte
verticali di lontano,
ho due lire per Caronte
come massi nella mano.

Musa del mio affanno
cantami se puoi,
o fammi il controcanto
son doveri tuoi!

Guarda questo cielo
che si incrina ad Occidente:
la volta è ormai alla svolta,
siamo Atlanti a vita corta!

Saccheggiati ed ingannati
prima dopo eternamente;
depennati e condannati
rispediti al gran mittente

Il già detto è ora già fatto
in un’ora o poco attorno
e comunque è di contorno
il commento all’antefatto

La metereomachia
delle correnti ascese
scontrose in parallelo
meridiane a nostre spese
sorpresi e già trasporti
nei nostri rivotorti
o languenti in labirinti
tra Minotauri estinti

Dall’angolo del cerchio
l’Acquario a catinelle
ci si rovescia addosso
sciacquando soli e le stelle;
la giara, vuota, appende
e al buio si distende.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 08/02/2008 11:27
    Bellissima... questo Acquario a catinelle... sciacquando soli e stelle... darà anche un po' d'acqua... a questa desertica terra... assetata... d'amore..
    Grazie Vincenzo
  • bernardo gentile il 07/12/2007 21:03
    una turbolenza fascinatrice.
    bernardo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0