username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

I sumeri sono tutti morti

Spesso
mentre
scrivo
mi chiedo
perchè
lo faccio
Perchè
non sono
nel mio letto
a dormire
o
con qualche
giovane
donna
vogliosa
o
ad ascoltare
una conferenza
sui sumeri
Ma quando
mi alzo
dal tavolo
dopo aver scritto
mille parole
e anche di più
e vedo
i fogli
disordinati
qua e là
e due bottiglie
di vino vuote
e sigarette fumate
a metà
e sento
i polpastrelli
che bruciano
e la testa più leggera
allora
mi convinco
che scrivere
è il mio
destino
e che questo caos
è il mio unico
mondo

Fuori arriva il giorno
I giovani tornano a casa
I vecchi si svegliano

I sumeri
sono
tutti
morti

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

21 commenti:

  • Nicola Saracino il 08/09/2008 17:43
    ... ma le giovani vogliose no! te le eri già dimenticate??? Viva la spinta a scrivere
  • Egon il 05/01/2008 04:01
    leggere poesie rende felici, euforici nello scoprire emozioni condivise e non capite
  • marco moresco il 04/01/2008 18:34
    no, maledizione!!! i sumeri sono tutti morti! ma davvero? ho ancora da incassare un assegno con la firma cuneiforme, ora chi me lo incassa più! be' comunque complimenti per la pubblicazione, la poesia è simpatica, mi piace... però tutti i sumeri no, maledizione, uno si distrae un attimo...
  • Cinzia Gargiulo il 03/01/2008 10:46
    Carina!
  • Giampaolo Angius il 03/01/2008 10:25
    Rende benissimo ciò che vuoi trasmettere, quello che stride sono le due bottiglie vuote, non pensare che io sia un bacchettone perchè so cosa volesse dire (x me) vuotare le bottiglie.
  • Egon il 06/12/2007 05:23
    molto bella
  • Antonello Gualano il 05/12/2007 10:47
    anche io riconosco in te un futuro da scrittore ma cavolo... vacci piano con il vino!!! un saluto da Antonello
  • Alessandro Barsottini il 04/12/2007 19:22
    Da leggere tutta d'un soffio, veramente bella. Bravo cug.
  • sara rota il 04/12/2007 08:03
    Acneh io ti dico di continuare a scrivere... il destino ha scelto questo per te, perchè non accettarlo? Che c'è di male a scrivere? E poi mi piace leggere le tue opere. Anche questa è graziosa, profonda, particolare.
  • robibreak. il 03/12/2007 20:02
    continua sempre a
    s
    c
    r
    i
    v
    e
    r
    e
    !
  • Alessandro Cancian il 03/12/2007 10:00
    bella davvero. mi è molto piaciuta.
  • nicoletta spina il 02/12/2007 18:53
    penso anch'io che scrivere sia il tuo unico destino... e forse... sai perchè ? per essere letto da chi ti sa apprezzare come me.
    Grazie!!
  • tania tania il 02/12/2007 18:33
    Bella Duccio.. adoro leggere poesie così.. mi sento parte di qualcosa di più grande.. perché mi son trovata tante volte a chiedermi le stesse cose... e anche se non ci si conoscerà mai... penso che l'immagine di noi, seduti a scrivere, con idee che saltano da ogni parte, e muoiono su un foglio buttato a terra, per rinascer subito dopo più armoniosi...è comune a tutti noi... bravo!!!!
  • Anonimo il 02/12/2007 18:01
    Si Duccio sei nato per scrivere.
    Continua a farlo, anche quando sentirai che forse conviene smettere, perchè il dolore ai polpastrelli e non solo, sarà troppo forte da sopportare.
    Forse è vero, un unico mondo dove ci rifugiamo perchè è parte di noi.
    Ciao Duccio, mi è piaciuta
    Angelica
  • laura cuppone il 02/12/2007 17:24
    Duccio..
    è vero..
    sei un poeta..
    non puoi negarlo..
    nè nasconderlo...
    bella riflessione..
    sempre bravissimo.
    ciao L
  • Ivan Bui il 02/12/2007 16:39
    Bella. È piaciuta anche a me.
  • Gabriella Salvatore il 02/12/2007 16:16
    piace anche a me, bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0