accedi   |   crea nuovo account

La carezza di un ricordo

È una di quelle sere
sempre uguali, quanto scure,
che fanno male all’anima
e turbano i pensieri.

È una di quelle sere,
quando parli al tuo dolore,
non più lacrime e parole,
nel silenzio parla il cuore.

Fermatevi farfalle,
la natura, il mondo,
son quasi cinquant’anni,
li vivo in un secondo.

Vorrei fermare l’alba che
non vada più al tramonto,
vorrei gridare al cielo
ed all’universo intero,
quanto ti cerco ancora,
amico mio ti ho perso.

La sera si fa fredda
ed una lieve brezza,
si posa sulla fronte,
quella è la tua carezza.


a Riccardo

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Anonimo il 02/04/2009 12:11
    davvero molto bella... mi piace tanto come scrivi... c'è molto sentimento... COMPLIMENTI
  • simona bertocchi il 05/02/2008 22:39
    struggente, delicata e forte come il ricordo di un legame indelebile.
    Simona
  • sara rota il 10/12/2007 07:37
    Una poesia basata sui ricordi... i ricordi di una lunga e bella amicizia. Tranquillo Carmelo, anche se i ltempo passa, i ricordi restano, per sempre.
  • lucia cecconello il 09/12/2007 22:53
    bella e' bello pensare che lo senti vicino gli volevi molto bene...
  • nicoletta spina il 09/12/2007 22:43
    la carezza del ricordo di un amico che se n'è andato...
    condivido questo sentimento perchè anch'io l'ho provato.
    con tenerezza e nostalgia si rivive nel ricordo tutto quello che è stato. Grazie per questa
    malinconica e bella poesia!
  • Carmelo Rannisi il 09/12/2007 19:18
    Grazie Laura, questa poesia insieme a quella di mio padre, è stata quella che mi ha fatto interrompere moltissime volte il contatto della penna sul foglio, per il riaffiorare dei ricordi e delle lacrime. Con Riccardo ci conoscevamo sin dall'asilo, era da poco diventato un giovane nonno. Il destino avverso lo strappa alla sua bella famiglia, per una disgrazia sul lavoro, ai suoi affetti, ed a me, fraterno amico di sempre.
  • laura cuppone il 09/12/2007 18:15
    ti manca tanto... e ne senti la carezza..
    il bene è bene!!
    triste e bellissima dedica..
    ciao L

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0