PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Col cuore fantasma

Quelle voci
che ci chiamano dal cielo
sono zampe
di gallina inacidita,
quelle corna
che brucano le nubi
sono angeli
minacciati di sfratto…
mentreintanto l'amore si squaglia
in un fiotto
d'islamico pianto.

I've got love
I've got love

Tutti sanno che i corvi e i notai
hanno penne di vetro soffiato
e che il giorno e la notte si sposano
nello sputo dei marinai.

I've got love

Si può portare sulle spalle
una colonna di buoi e nutrire i calamai
dall'esofago di un mulo,
ma non si può sapere
quando il sangue inizia a palpitare
e le palpebre s'arroventano
di carnivori avvoltoi.

I've got love

Si può sotterrare le braccia
in una pentola di carne incolore
e raccontare ai bambini
la notte
che le vacche
discendono dai fiori,
ma non si può sapere
il gorgoglio infinito del sudore,
né il concerto
della pelle apostrofata
nella pazzia bovina
dell'amore.

* * *

Io so
che a volte anche la porpora
ha il sapore dei cantieri senza fiato

12

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • gabriella zafferoni sala il 25/12/2008 21:37
    lunga, complessa ma m'ha lasciato una scia di urla e di lamento
  • Anonimo il 14/12/2007 13:52
    seguo le voci di questo labirinto. a un passo avanti ne seguono due indietro, alla ricerca di un alito fiorito di vita. ogni movimento è accompagnato da fiotti d'amore che mi indicano la via verso il budello dell'esofago sazio di fantasmi tra un signhiozzo di speranza e un rigurgito di sana follia. n

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0