accedi   |   crea nuovo account

INCONTRARSI

Eri un respiro lontano
e, forse, io gia'  l’anelavo.
Non c’eri
ed io ti ho creato.
Nel mondo, tu avevi una vita,
io un sogno racchiuso nel palmo:
un poco per volta
s’è perso per via,
lasciato cadere, o strappato.
Ma, in fondo ai tuoi occhi,
rivivo di nuovo quel sogno,
perché il tuo respiro
è, adesso, anche il mio.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Ada FIRINO il 04/07/2008 15:10
    Troppo buono Augusto! Grazie comunque!.
  • augusto villa il 04/07/2008 15:06
    Che bella!... Complimenti Ada!... Bravissima!
  • Ada FIRINO il 12/01/2008 01:24
    Ada e le tre Moschettiere! Che banda, ragazze! Sì, anche i sogni ci aiutano a vivere. A volte si materializzano, a volte vengono spezzati, ma fanno parte di noi e ci riempiono l'animo.
  • Antonietta Di Costanzo il 19/12/2007 22:13
    il respiro la parte più frofonda, complimenti per la grandezza della tua anima!
  • Anonimo il 14/12/2007 23:44
    Che splendido incontro, desiderare così tanto il suo respiro lontano da crearselo.
    Ciao Ada
    Angelica
  • Gabriella Salvatore il 14/12/2007 09:34
    Bella Ada, proprio bella
    "eri un respiro lontano e forse io già l'anelavo, non c'eri ed io ti ho creato"
    Molte volte abbiamo bisogno di aggrapparci a qualcosa e nella nostra fantasia, lo creiamo come vorremmo fosse nella realtà e non è deto che i sogni che si sono perduti non si possano ritrovare.
    Brava Ada 10

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0