accedi   |   crea nuovo account

al caro giuliano paolini

una volta in spiaggia
beccai un tipico belloccio estivo
(unto e abbronzato)
che si dava, con solerzia,
all'estivo cuccaggio.

ahime ero la vittima
predestinata...

il ganzo mesto
si lamentava
-facendosi grosso e bello-
del solo motivo
per cui in marina non l'avevan preso
(come spiegare altrimenti il rifiuto di siffatto adone?)

il tapino impettio spiegava:
"lo strizzacervelli mi ha chiesto...
se il pane mi piace...
e a me, che mi piace,
si ho risposto...
e poi ha continuato
chiedendomi se lavorare in panificio
anche mi piacesse..
ma ho risposto che questo mestiere detestavo...
per cui sono pazzo"

anche se il belloccio era un imbecille
in fondo sono
d'accordo:
era un odioso analfabeta deficiente,
ma pazzo no.

e lo stesso vale per me:
il gelato mi piace in quanto dolce,
certi gelatai, no, isono toppo acidi.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Nicola Saracino il 11/09/2008 14:17
    Pazzo no, ma bugiardo senz'altro. Lo psicologo ci ha visto bene: un coglione in meno in Marina
  • Ajeje Brasorv il 21/08/2008 17:27
    ahahahah, sagace
  • Vincenzo Capitanucci il 19/05/2008 06:02
    Un gelato acidulato.. basico.. divino..

    E lo stesso vale per noi me
    v
  • celeste il 14/12/2007 21:11
    Grande espressività, prima maniera. Icaro, hai le ali per volare?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0