accedi   |   crea nuovo account

LA GIOSTRA

Dal buco della finestra
I modi di dire una fragranza che sono estate,
I nudi letti di pietra delle sedie
Che si sono fatti di lucciole e umido di terra;
Siamo io e il mio bambino disegnato sul foglio
E, volendo, un torrente di ombre brune
Lungo il terrapieno che è il lavoro dell’uomo.

A turno si scambiano la luce le lanterne ai lati del pozzo
Con il verde dei prati di tutto il mondo,
Tocco qualcosa di questi fiori che stanno tutti rintanati
Nella loro voglia di essere vita e latte di mandorla.
E mi fermo, prego con gli occhi che tutto questo resti qui per sempre.

E l’oscurità gira in un infinito cerchio concentrico,
Con il suo fiato di polvere, di fresco,
Di legno delle imposte gonfio dell’ultima pioggia.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Ada FIRINO il 27/06/2008 09:21
    Bella poesia, molto sentita e ben strutturata.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0