PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il soldo e la morte (titolo provvisorio)

Ed oggi ancor più
incerto è il futuro
dei mondi e nell’anime
vedo solo lo scuro.

Mi sdraio e non leggo
parole d’amore
ma di vite spezzate
più senza l’ardore.

Ed io piango sommesso
all’altare del soldo
della vita ti appropri
di carne ti nutri.

E lacrime di mogli
di infanti e di vecchi
son la tua linfa
e vanitoso ti specchi.

La morte, la morte
fa da padrona

Ed il tuo scrigno che
hai al posto del cuore
lo arricchisci da sempre
con sangue e dolore.

Vendetta, Vendetta,
assassini da sempre

e nei sepolcri
subito dimenticati
giaccion le membra
di voi perseguitati.

E tributando onori
a cui non credete
riempite lo scrigno
e il loro sangue bevete!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

22 commenti:

  • Rik Forsenna il 20/11/2008 12:09
    ... reale... dura... mi piace!
  • Anonimo il 29/05/2008 18:18
    Bella ma aggiusterei giusto qualcosina per renderla più ritmata
  • Anonimo il 17/01/2008 00:22
    La verità fa sempre troppo male, nella tua poesia una verità sconvolgente che fa riflettere.
    qualcosa si può fare, ribellarsi alle assurdità, alle ingiustizie, alla falsità che ruota intorno al nostro piccolo mondo. Combattere sempre per qualcosa di migliore. Sempre, fosse l'ultima cosa...
    Ciao Michelangelo.
    Angelica
  • Michelangelo Cervellera il 13/01/2008 16:55
    ... scusa la precisazione :
    ... della scuola. grazie per il commento
  • Giancarlo Muzii il 13/01/2008 09:33
    mi sembra di essere tornato ai tempi di scuola
  • Cinzia Gargiulo il 10/01/2008 19:25
    Profonda ed elegante!...
    Ciao
  • Umberto Briacco il 08/01/2008 10:44
    una mattina, mi son svegliato, oh

    Scusa ma mi è venuto spontaneo attaccarmi al commento sotto. Evocativa, sinceramente non ho capito bene di cosa parla. C'è una quartina che non segue lo schema, peccato.
    Saluti
  • lucia cecconello il 04/01/2008 20:39
    bella ciao
  • Anna G. Mormina il 27/12/2007 14:21
    ... è un "tema" molto crudo e forte, nulla può contro di essa...
    bella la tua desceizione!
  • Antonietta Di Costanzo il 25/12/2007 08:03
    la morte, brutta padrona, bellissima interpretazione. complimenti.
  • Riccardo Brumana il 22/12/2007 14:49
    forte! potresti intitolarla "l'ultima moneta per Caronte" ciao
  • Ugo Mastrogiovanni il 21/12/2007 18:55
    La verità non richiede commenti, dobbiamo cercare di sopportare, tanto non è che possimao fare molto..
  • NICOLA RICCHITELLI il 20/12/2007 14:50
    grande ino all'assurdità grande michelangelo
  • Giampaolo Angius il 19/12/2007 20:49
    complimenti
  • Maria Lupo il 19/12/2007 01:36
    Ben costruita, di grande forza drammatica e capacità evocativa. Ricorda qualche canzone di De Andrè, vagamente, come stile. Bravo.
  • IGNAZIO AMICO il 18/12/2007 23:56
    Profonda e veritiera. Bella poesia, ben costruita. Bravo.
  • Gabriella Salvatore il 18/12/2007 08:50
    Dove andremo a finire?
    Ma finchè c'è gente che si accorge di tanta assurdità c'è una speranza, bravo Michelangelo
  • Hotelvv il 17/12/2007 14:38
    Sembra quasi una dolce ballata decadente

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0