username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La mia anima langue

Odo una melodia
il mio cuore sobbalza
alla mia mente quanti ricordi,
i più dolci, quelli che non tornano piu'.
Lacrime solcano il mio viso,
sgorgano al pensiero
che nulla e' più lo stesso.
Il fato mi e' avverso,
no scelte, ma dettate dal tempo,
e da tutti i giudizi a me contrari
nessuno comprende,
anche i miei cari,
la carne della mia carne
egoisticamente mi si rivolta contro,
fanno in modo che rinunci alla mia felicita'.
Trovo in me stessa la forza,
e giiorno dopo giorno
continuo a lottare con la morte nel cuore,
con il ricordo di chi non c'e' piu'.
Nelle mie lunghe notti,
nessuno si accorge del dolore che prova
questo mio fragile cuore,
e alla luce di un'abatjour
si strugge l'anima mia affranta.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

32 commenti:

  • Raju Kp il 22/09/2009 08:23
    Versi struggenti e trieste ma sempre ce voglia di sentire la anima piu forte
  • Donato Delfin8 il 22/09/2009 01:55
    Piaciuta
  • Cinzia Gargiulo il 22/09/2009 00:05
    L'ho riletta volentieri. Triste e bella.
    Un abbraccio...
  • lucia cecconello il 15/09/2008 18:09
    Grazie Claudia... un sorriso, ciao
  • claudia checchi il 15/09/2008 16:39
    e' triste avere i figli contro... proprio loro che dovrebbero
    essere i primi a sostenerci... ciao
  • lucia cecconello il 04/09/2008 14:02
    Sicuramente Sara più preparati grazie ciao
  • sara rota il 04/09/2008 07:20
    Il dolore è parte della vita di ognuno, combatterlo è la miglio tecnica per sconfiggerlo ed anche se dovesse tornare ci troverà sicuramente più forti di prima...
  • lucia cecconello il 06/08/2008 11:35
    Ti ringrazio dolce... un saluto ciao
  • Dolce Sorriso il 16/07/2008 12:17
    Cara Lucia non sempre i nostri cari pensano a ciò che voliamo noi,
    pultroppo il loro bene diventa egoismo,
    invece a volte basterebbe loro uno sguardo silenzioso.
    Un abbraccio di cuore.
  • lucia cecconello il 18/06/2008 23:41
    Me lo sono chiesto anch'io... grazie Gianni sempre presente
  • Giovanni... il 18/06/2008 21:28
    Cosi tenera e colma di dolore, se nell’universo vi è una ragione perchè ogni cosa avvenga vorrei capire perchè si debba soffrire di tale dolore.
    Con affetto... Gianni.
    :bacio:
  • lucia cecconello il 29/02/2008 23:59
    Grazie per il commento ciao
  • Giampaolo Angius il 29/02/2008 23:51
    Versi struggenti che hanno la potenza di far vivere le sensazioni sapientemente descritte. Serene 24 ore
  • marco moresco il 28/01/2008 09:44
    parole che lasciano il segno
  • Anonimo il 12/01/2008 00:27
    A volte la vigliaccheria tappa occhi, orecchie, cuce bocche.
    Perchè non è facile guardare in faccia il dolore provato da una persona che si dichiara di voler bene, ma amre è anche soffermarsi a guadaRE DENTRO OCCHI, CHE DIFFICILMENTE RIESCONO A NASCONDERE LA SOFFERENZA.
    Spaventa troppo il dolore, non tutti sono in grado di sostenerlo, tu continua sempre a lottare per i tuoi sogni e per la tua felicità, perchè gli altri non ci mettono tanto ad abbandonarci nel momento che non dai a loro solo, sorrisi e stolti discorsi.
    Complimeti,
    ciao
    Angelica
  • Michelangelo Cervellera il 10/01/2008 21:50
    dolorosa questa poesia, ma la vita spesso ci riserva dolori che possono apparire insuperabili, ma dobbiamo essere forti, resistere e ritrovare la serenità a costo di lottare contro tutto e tutti. le incomprensioni finiranno se ti dimostrerai forte, ci vuole tanto coraggio e non è facile ma si può farcela. Michelangelo
  • Antonio Pani il 10/01/2008 09:18
    Scritto/racconto di sensazioni intense ed importanti che spero vengano superate presto dai sorrisi. Grazie per la tua attenzione e i tuoi commenti, a rileggersi, ciao.
  • Umberto Briacco il 09/01/2008 00:56
    bella ciao
  • Franco Limbardi il 07/01/2008 23:18
    malinconica... ma molto bella
  • Maria Lupo il 25/12/2007 01:40
    Volevo dire stamattina, naturalmente... forse la napoletanità inconsciamente si è imposta?!
  • Maria Lupo il 25/12/2007 01:39
    Triste, molto espressiva e condivisibile.
    Tanti auguri per un Natale in cui, malgrado tutto, spuntino dei sorrisi... A me è successo, grazie alle persone care e specialmente ad un bambino, anche se fino a stammatina prevaleva la tristezza. Un abbraccio.
  • Carmelo Rannisi il 24/12/2007 01:06
    Lascia un angolo del tuo cuore per i ricordi, il resto mettilo a disposizione di chi non ti comprende, sicuramente non è l'egoismo che li guida, ma un senso di protezione seppur non richiesto.
    Carmelo
  • simona bertocchi il 22/12/2007 16:25
    Incredibile quanto una poesia possa rivelare una persona. Stai prendendo forma, avverto la tua fragilità ma anche la forza che si ribella per uscire.
    Simona
  • Riccardo Brumana il 22/12/2007 04:07
    pesante, quando anche la comprensione della famiglia, dei figli viene a mancare ci si può sentire veramente soli... ma ci sono sempre gli amici ciao Lucia.
  • Ugo Mastrogiovanni il 20/12/2007 22:13
    Versi straziati nati da momenti di incomprensione da parte di tutti e anche delle persone più care. Lucia Cicconello disloca nei sui bei versi melodie di ricordi dolci ma proibiti, notti bianche senza quel sonno consolatore, che le spengono il cuore legato indissolubilmente a colui che nessuno ha voluto fosse suo per sempre.
  • Cinzia Gargiulo il 17/12/2007 22:55
    Difficilmente chi è intorno a noi si accorge della profondità del
    nostro dolore e dunque la forza di reagire va cercata dentro di noi e portata alla luce... Piano piano si "risorge", coraggio!
    Poesia molto bella!
    Un abbraccio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0