PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

“Natività del Caravaggio”

Vergine Madre seduce fanciullo,
è funebre veglia d’ infante brullo.


Esausta letta su nume pittata,
fodera di “Celeste iride” acròbata.


Atteggiati agli uomini i luminari,
“Quotidianità sacra” , senza pari.

 

1
8 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 04/12/2015 09:24
    apprezzata... complimenti.

8 commenti:

  • Riccardo Brumana il 22/12/2007 14:21
    una bella dedica ad un capolavoro!!!
  • Alessandro Castellarin il 18/12/2007 11:16
    Gentilissimi tutti!
  • Anna G. Mormina il 17/12/2007 14:38
    Ho cercato e visto questo quadro...
    ... la tua bella poesia lo rispecchia perfettamente!
    Bravo Alessandro! Un bel 10 e un sorriso!
  • Alessandro Castellarin il 17/12/2007 09:51
    Endecasillabi a M. Merisi
  • Alessandro Castellarin il 17/12/2007 09:51
    "Simbologia di alcune parole: • “Quotidianità sacra” = La pittura eversiva del Caravaggio che tendeva ad ignorare i canoni pietistici e devozionali religiosi del tempo, racchiudendo nella sua pittura il Divino all’ Umano, il Quotidiano al Sacro. • Brullo = Nudo • “Celeste iride” = Angelo"

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0