username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L' ELEMOSINA

Passi frenetici lucidano le pietre della via,
i clacson urlano: sbrigati cretino, che ho fretta!
La luce convulsa del giorno
è divorata dalle gioiose grida di feste notturne.
Tacchi alti, vestiti alla moda,
auto luccicanti, cuori in vendita.
Oggi, domani, sempre...

... anche allora...

Con le spalle curve,
inerti sotto un pesante macigno di vuoto,
mi appoggio ad un freddo muro
ormai dimentico dei lontani raggi del sole.
Osservo, ma tutto mi passa attraverso.
Come un mendicante,
vestito di stracciati ricordi pieni di toppe,
allungo una mano e farfuglio:
" Per favore, fate l'elemosina...
Per favore, mettete un soldino d'amore
nel mio cappello pieno di solitudine..."

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 09/04/2012 10:55
    splendida poesia complimenti paola

15 commenti:

  • Rosarita De Martino il 12/03/2014 20:05
    Cara amica, ma da chi cerchi il soldino d'amore? Cerca e ricerca nella direzione giusta e avrai un mare d'amore in cui dolcemente potrai naufragare. A presto rileggerci. Rosarita
  • Luciano Sansone il 20/01/2008 22:05
    Lirica bella ma straziante! Le immagini della spensieratezza, della festa si contrappongono al vuoto di una dolorosa solitudine in cerca solo di un po' d'amore. Spero che tu abbia trovato quel poco di amore che cercavi, te lo auguro. Per il momento metto anch'io un piccolo soldino. Ciao.
  • Paola Reda il 14/01/2008 01:05
    Grazie a tutti coloro che hanno commentato questa mia poesia, ma un grazie particolare va a Lisa De Stefani: oh Lisa... hai fatto un lavoro incredibilmente stupendo: trascrivere la bellissima canzone di Joe Cocker... e tradurla poi!!
    Credo di non sbagliare se dico che ognuno di noi chieda un piccolo obolo d'elemosina... in amore... nella vita... nei propri desideri. Amici, è bello dare amore, ma credetemi, è bello anche essere umili nel chiederlo, perchè tutti ne abbiamo bisogno.
  • Maria Lupo il 13/01/2008 02:35
    Molto bella, davvero.
    Grazie a Lisa per la canzone di Joe Cocker
  • Ivan Bui il 12/01/2008 21:42
    Ci sono tanti modi di descrivere la solitudine, questo toglie il fiato. Che dire: stupenda.
  • Riccardo Brumana il 22/12/2007 14:44
    io il soldino te lo metto
    poesia frenetica che si legge tutta d'un fiato, brava! ciaooo
  • NICOLA RICCHITELLI il 22/12/2007 12:17
    comliomenti... ottimo componimento
  • Paola Reda il 18/12/2007 02:28
    Cari amici, considerando che questa poesia è stata pubblicata oggi, non ho parole per ringraziarvi dei vostri commenti. Grazie a tutti, alla solidarietà di tutti che, non poco, smentisce le mie rime.
    Oceano, Alessandro, Lestat, Renato, Cinzia, Nicoletta, G G, vi sento vicino, siete carissimi.
    Ma permettetemi di ringraziare caldamente il mio Angelo(custode dei miei più intimi segreti) .
    Un GRAZIE del tutto particolare alla carissima Lisa De Stefani: stronza, mi hai fatto piangere!
    Oh Lisa, I get high with a little help from you... becouse...
    I just need (not anyone, but) somebody to love.
    Just a little penny of love!
    Che gran lavoro hai fatto nello scrivere la splendida canzone di Joe Cocker.
    Quando si parla d'amore si pensa istintivamente alla coppia. Non è così, perchè l'amore ha mille sfaccettature.
    Forse un'emozione così grande non la proverò più.
    Grazie a tutti.
  • Anonimo il 17/12/2007 23:34
    Magari i miei scarni spiccioli d'affetto, riuscissero in parte a riempire quel cappello pieno solo di solitudine.
    Magari avessimo il potere di rendere le persone felici, e con poche e semplici parole di conforto spazzare via tutta la malinconia.
    Ma forse tutti siamo provvisti di questo semplice potere, basta imparare a guardare le persone dentro gli occhi, non farsi attrarre solo dalla facciata, e poi ancor di più dovremo imparare ad ascoltare, ma ascoltare per davvero le persone che ci stanno intorno, anche se la loro sofferenza, tocca il nostro cuore.
    Che tristezza la tua poesia Cara Paola, e pensare che tante persone in questo mese che rappresenta la gioia, sono sole e infelici.
    Non mi piace il Natale, mi rende troppo triste.
    Un abbraccio Paola
    Angelica
  • nicoletta spina il 17/12/2007 22:14
    se ho capito bene dalla spiegazione che hai dato a Renato il mendicante sei tu e stai chiedendo amore... ma al contempo hai fatto pensare anche a chi chiede un vero soldino. In ogni caso si sente la tristezza della solitudne e dell'abbandono. Mi hai fatto pensare e condividere. Il mio soldino è un sorriso affettuoso per la tua profonda sensibilità
  • Cinzia Gargiulo il 17/12/2007 21:54
    Troppo frenetico il mondo in cui viviamo... tutti corrono, chissà verso che cosa poi e tutti sono insoddisfatti... se solo si fermasse la corsa per qualche minuto magari guardando negli occhi le persone che si incontrano le nostre vite potrebbero ritrovare un senso donando amore alle tante persone sole che sono tra la folla...
    Poesia molto profonda.
    Brava!!
  • Paola Reda il 17/12/2007 21:53
    X Renato: mi dispiace, non hai capito la poesia. Qui non si tratta di essere in mezzo a due vie, ma è soltanto il grido della mia via, quella in cui mi trovo: la solitudine. Quando non si hanno problemi tutto gira intorno a te e sei preso dalla quotidianeità che, nel momento in cui rimani solo, vedi con occhi diversi. L'abbandono degli affetti che ti erano più cari è devastante, amico mio, credimi. Allora ti appoggi ai ricordi solari di un tempo e, per il presente, chiedi soltanto un po' d'amore: un misero soldino di affetto, qualunque esso sia.
    Perchè cercare sempre il concetto astruso, dando per scontato che dietro semplici pensieri trascritti con semplici parole debba per forza nascondersi un messagio che va oltre?
  • celeste il 17/12/2007 20:04
    Penso sempre (sono il solo?)
    esista una terza via. Considero il rispetto e la disponibilità fondamenti del comune vivere civile. Gli estremi non esprimono il buon senso e portano alla reiterazione del proprio
    illusorio. In mezzo ci siamo noi sempre incasinati ma indaffarati a far quadrare il cerchio. Non si deve sospendere la capacità di giudizio, in nessun caso
  • Lestat V il 17/12/2007 19:03
    penso che aiutare chi sta peggio di te' e' una soddisfazione enorme!!!!!!!
    bella mi e' piaciuta molto! ciao Lestat
  • Alessandro Castellarin il 17/12/2007 11:19
    In materia d'elemosina, bisogna chiudere la bocca e aprire il cuore...
    Struggente questa tua!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0