username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

LA SBRONZA

Parte piano
quatta quatta
con il passo leggero
d’una gatta.

Quasi non la senti
ti sale piano
strisciante come mille dementi.

È una poesia.
Un miracolo d’entropia.
L’equilibrio di tenere
mezzo universo un amico
e un bicchiere
su un unico dito
e farli danzare
fino a mattino
fino a infinito.

Si specchia gagliarda
Nel seno di ogni ragazza
Sia bella, brutta
Sana di mente o pazza.

Rimbalza sul volto
del tuo migliore amico
con cui parli di pornografia
e di dio:
“non esiste ti dico!”

Poi va via, la stronza
come onda di mare.
Toccherà chissà quanto aspettare
per vederla tornare
Così
Così bella, così pura
come goccia di paura.

Già mi manca.

 

4
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • laura il 05/07/2012 09:51
    molto bella complimenti
  • Claudia Scavo il 19/10/2009 22:42
    una poesia è bella anche quando sa strappare un sorriso... anzi forse è ancora più difficile come compito!!! bravo! =)
  • donatella bellucci il 22/01/2008 21:15
    molto carina, bravo!
  • Riccardo Brumana il 18/12/2007 20:38
    molto bella, parli della sbronza ma che mi colpisce personalmente è la complicità che emerge tra te e l'amico in questa atmosfera esilarante. complimenti!
  • laura cuppone il 18/12/2007 15:39
    una... bella... Poesia!!!
    ciò che tieni su un unico dito..
    e non ha peso!!
    complimenti!
    ciao L

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0