accedi   |   crea nuovo account

Parole

Sbiadisce il suono delle parole
e se ne perde il significato.

Scolorisce il tono che le pronunciò
e loro stesse, scritte,
restano congelate in un luogo senza tempo.

Sospese e dondolanti, parole,
come lenzuola dimenticate al sole,
rinsecchite ed arse.

Sbiadisce il suono delle parole
anche di quelle che sembravano eterne
quando furono dette.

Si poggiarono sul fiato
e con esso volarono verso quell' eternità
che non raggiungeranno mai.







17 dicembre 2007

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Maria Lupo il 09/05/2008 00:18
    Profonda, armoniosa e terribilmente triste. Ci sono parole che conservano sempre il loro suono e colore, molte sarebbe meglio dimenticarle ma altre ci aiutano a vivere. Alcune le rincorriamo inutilmente
  • Ugo Mastrogiovanni il 25/03/2008 17:42
    In molti sostengono che le parole non si perdono, echeggiano nella volta celeste e un giorno si potranno riascoltare; qualcuno sostiene di aver registrato quelle di uomini illustri morti molto tempo fa. Encomiabile la composizione “Parole” di Giorgio Carana, il verso ondeggia e sembra risuonare intorno a noi.
  • Riccardo Brumana il 18/12/2007 22:14
    non è il mio genere ma è bella. complimenti!
  • laura cuppone il 18/12/2007 15:21
    È vero Giorgio a volte le parole danno vita..
    a volte uccidono..
    a volte è come non fossero mai state pronunciate...
    molto significativa..
    ciao L

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0