PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

SENTO IN LONTANANZA

Sento in lontananza
un lamento di campane:
piangono sempre
quando un’anima si spegne.
Oggi è la mia anima che muore.
Davanti alla mia finestra
sotto un pallido lampione
una bandiera danza
all’ultimo vento d’estate.
E quel soffio rapisce i miei sogni,
spazza via le speranze dagli occhi
e quelli, privi ormai di colore,
restano ciechi nel vuoto...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Mirko Zullo il 01/04/2016 13:05
    Questi versi trasmetto a pieno il disagio del momento, uno sfogo, un'intima consapevolezza che lotta nero su bianco con la carta, un rapporto complicato e delicato tra mente e uomo, tra braccio e pensieri. La poesie può essere anche terapeutica e il vuoto intravvisto non è altro che tutto lo spazio da riempire con la propria creatività.

17 commenti:

  • Ada FIRINO il 22/01/2008 03:37
    Un periodo molto brutto della mia vita, uno sguardo alla finestra, perso nel vuoto, una campana che suonava a morto ed una bandiera appesa ad un lampione, hanno tirato fuori questi versi.
  • augusto villa il 21/01/2008 15:26
    Una sensazione per niente bella, dolorosissima... e quando il dolore diventa insopportabile si tende a vivere sotto una campana di vetro... Una cosa pericolosa, da evitare!!! Bravissima!!!
  • Ada FIRINO il 02/01/2008 23:45
    Grazie Angelica, ti sento vicina. Sì, questa è la vita!
  • Anonimo il 02/01/2008 15:52
    Bella Ada, molto sofferta, mi hai commosso, anche se sono lontana ho sentito l'anima che geme, forse perchè è un rintocco anche della mia che si unisce a tante, perchè vivere è questo, gioire e soffrire.
    Un abbraccio
    Angelica
  • Ada FIRINO il 01/01/2008 20:07
    Grazie Skoiattolo, la sensibilità è la cosa più bella che ci sia in me, e vorrei conservarla SEMPRE! Costi quel che costi.
    Ada
  • Ada FIRINO il 28/12/2007 15:02
    Oh! Gabriella, che anima dolce sei! Sento il tuo calore, quello di tutti voi e lo ricambio con tutto l'affetto che inonda il mio cuore, sempre! La mia, la VOSTRA poesia... sono un balsamo sulle mie ferite, alcune non ancora rimarginate, ma il mio animo sorride alla gioia del Vivere, degli affetti più cari e dell' avere intorno persone da amare.
    Ada
    Ada
  • Gabriella Salvatore il 28/12/2007 10:33
    Sono momenti che ogni tanto riemergono, quando si ha sofferto, poi la forza che c'è dentro di noi ha il sopravvento su questi cupi pensieri e si torna a reagire.
    Ti sono vicina Ada, per quello che posso vorrei farti sentire la mia vicinanza. un abbraccio
  • Ada FIRINO il 27/12/2007 18:17
    Grazie Ignazio, anche se una parte di me è morta, forse per sempre, (quando ti rubano crudelmente i sogni di una vita, è difficile ricominciare daccapo), ce la sto mettendo tutta per andare avanti ed ho ripreso a sorridere, con le labbra e col cuore. La poesia mi aiuta e VOI siete STRAORDINARI... TUTTI!
    Vi voglio già bene.
    Ada
  • Aedo il 27/12/2007 15:40
    La poesia, Ada, mi ha veramente commosso: c'è tutto il tuo mondo, la sensibilità, la sofferenza... Vedrai che la speranza riapparirà nei tuoi occhi...
    Un abbraccio
    Ignazio
  • Ada FIRINO il 24/12/2007 22:03
    Katie, questa poesia ha segnato un momento molto buio della mia vita, sofferenza su sofferenza. Ho imparato a reagire, ora, a sorridere alla vita, anche quando questa mi dà le mazzate in testa. Tutto passa, vedrai, credi di più in te stessa e ricorda... tutto passa. Sorridi.
    Ti abbraccio e ti sono vicina.
    Ada
  • Ada FIRINO il 24/12/2007 21:59
    Michelangelo, perdere la propria mamma è come perdere le proprie radici, non hai più nessuno a cui chiedere cosa facevi da bambino, i giochi che ti piacevano di più o di ricordarti un nome che hai dimenticato. Ma le speranze, in questi casi, poi tornano... tornano sempre.
    Un abbraccio.
    Ada
  • Michelangelo Cervellera il 24/12/2007 05:22
    Quando la mia mamma se ne andata, sono morto anch'io, nessuna speranza vedevo innanzi a me, ma noi esseri umani alla fine ce ne creiamo di nuove... per fortuna. Migelangelo
  • Ada FIRINO il 23/12/2007 02:21
    Daniele, coraggio! Ti abbraccio.
    Ada
  • Anonimo il 22/12/2007 20:32
    ... anhe la mia anima è quasi morta oggi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0